Cabtutela.it
acipocket.it

Nella notte un uomo di 25 anni in imminente pericolo di vita è stato trasportato da Bari Palese a Torino a bordo di un velivolo da trasporto C-130J della 46ª Brigata Aerea di Pisa per il successivo ricovero presso il Centro Trapianti “Le Molinette” di Torino.  Il velivolo dell’Aeronautica Militare, dopo aver imbarcato l’ambulanza con a bordo il paziente ed una equipe medica, è decollato dall’aeroporto di Bari Palese poco dopo la mezzanotte alla volta del capoluogo piemontese. (video in basso)

La richiesta di trasporto è pervenuta dalla Prefettura di Bari alla Sala Situazioni di Vertice del Comando della Squadra Aerea, la sala operativa dell’Aeronautica Militare che ha tra i propri compiti quello di organizzare e gestire questo genere di trasporti su tutto il territorio nazionale.

Interventi di questo tipo vengono effettuati dall’Aeronautica Militare su tutto il territorio nazionale. Si tratta di missioni che necessitano della massima prontezza e tempestività. Attraverso i suoi Reparti di volo, l’Aeronautica mette a disposizione mezzi ed equipaggi pronti a decollare in qualunque momento per assicurare il trasporto urgente non solo di persone in imminente pericolo di vita, ma anche di organi ed equipe mediche per trapianti.  La 46ª Brigata Aerea, in particolare, è l’unico reparto dell’Aeronautica Militare dotato di velivoli C-130J in grado imbarcare direttamente le ambulanze con i pazienti a bordo. Questa modalità di trasporto si rende necessaria quando la persona malata ha bisogno del supporto costante di particolari apparecchiature mediche.

Sono centinaia ogni anno le ore di volo effettuate per questo genere di interventi dagli aerei della 46ª Brigata Aerea di Pisa, del 31° Stormo di Ciampino, del 14° Stormo di Pratica di Mare e – per alcune esigenze particolari – sono anche impiegati gli elicotteri del 15° Stormo di Cervia e dei Centri Combat SAR (Search and Rescue) dipendenti.


© RIPRODUZIONE ANCHE PARZIALE RISERVATA - Borderline24 Il giornale - Ti invitiamo a usare i bottoni di condivisione e a non copiare l'articolo.

ConfagricolturaBari
CattolicaBari

LASCIA UN COMMENTO:

Scrivi il tuo commento
Il tuo nome qui