Cabtutela.it
aqp.it
ferrovieappulolucane.it

E’ “zampa ma non troppo”, ha 40 anni suonati e due figli. E’ barese ma vive e lavora a Caserta. Francesca Zicca la sua baresità, però, non l’ha mai persa, anzi, l’ha messa al servizio degli oltre 25mila follower (e oltre 300mila like) che ha su Tik tok (a due mesi dalla sua iscrizione) e dei 1.700 iscritti, in una sola settimana, sulla sua pagina Facebook.

“E’ nato tutto per caso – spiega Francesca – un gruppo whatsapp creato con i miei amici di Bari quando mi sono trasferita in Campania: uno scambio costante di video per tenerci compagnia e restare in contatto. Poi una mia amica mi ha spinto a usare Tik tok e da lì ho cominciato”. Francesca condivide video in cui ironizza sui messaggi che arrivano dal social: dalle bamboline super truccate all’abitudine di ostentare vestiti, cene, pranzi. Insomma attraverso l’autoironia, la influencer barese, racconta uno spaccato di realtà che piace in Italia e all’estero. I suoi follower vivono in Egitto, in Libano, in Germania e in Svizzera. Ma anche in tutta Italia, soprattutto nel Nord dove molti pugliesi si sono trasferiti.

“Mi ha scritto una ragazza dall’Australia, mi ha ringraziato perché sua nonna, immigrata lontana da Bari tanti anni fa, ha ritrovato il suo sorriso ascoltando i miei video”. C’è anche una mamma di Andria tra i suo follower. “Ha un bambino disabile – racconta – e trascorre giornate piene di impegni. Mi ha commosso quando mi ha scritto che io sono il suo momento di spensieratezza”. D’altronde per Francesca questo è un principio di vita: quando viveva a Bari, nel quartiere Libertà, aveva fondato un gruppo Facebook solidale  – che ancora opera sul territorio – impegnato ad aiutare famiglie in difficoltà. Per chi la conosce, non stupisce che questo impegno sui social abbia uno scopo altrettanto solidale.

“Pubblico 4/5 video al giorno: pochi minuti per ridere insieme in un momento difficile per tutti” – spiega.  Il tormentone è sempre lo stesso: “Mo è, tra una cosa e l’altra”. Tipica frase barese che non significa nulla ma che si usa come intercalare. E tra un intercalare e l’altro e i follower che crescono ogni giorno (grazie anche al primo gruppo Facebook che ha pubblicato i suoi video “Erailtramonto”), Francesca conserva gelosamente un sogno: “Una parte anche piccola in un film di Checco Zalone. E’ lui il mio mito”.


© RIPRODUZIONE ANCHE PARZIALE RISERVATA - Borderline24 Il giornale - Ti invitiamo a usare i bottoni di condivisione e a non copiare l'articolo.

ConfagricolturaBari
CattolicaBari

LASCIA UN COMMENTO:

Scrivi il tuo commento
Il tuo nome qui