aqp.it
ferrovieappulolucane.it
amgasbarisrl.it

Un corridoio universitario per tre studenti eritrei rifugiati in Etiopia. E’ quanto attivato dall’Università degli studi di Bari Aldo Moro.  Si tratta, in particolare, di studenti che frequentano Fisica e Informatica, o meglio i corsi di laurea specialistica in Computer Science e in Fisics erogati in lingua inglese dall’Università degli Studi di Bari che hanno vinto 3 delle 43 borse di studio del progetto UNICORE 3.0 – University Corridors for Refugees.

L’Ateneo di Bari, nell’ottobre 2019 ha sottoscritto il Manifesto per le Università Inclusive promosso dall’Alto Commissariato delle Nazioni Unite per i Rifugiati, attivando così il corridoio universitario di UNHCR che da tre anni consente a chi non ha la possibilità di continuare gli studi nel Paese in cui ha trovato protezione, di arrivare in Italia con un percorso di ingresso regolare e sicuro e proseguire la formazione universitaria. Gli studenti, hanno cominciato a seguire le lezioni dopo il periodo di quarantena in cui hanno partecipato, da remoto, alle attività di scambio interculturale e promosse dai loro colleghi del Comitato Mentorship, servizio di tutoraggio peer-to-peer recentemente attivato con l’Organizzazione Internazionale per le Migrazioni, che Uniba, prima tra gli Atenei italiani, ha istituzionalizzato con lo scopo di sostenere l’inserimento accademico dei suoi oltre 700 studenti internazionali.

“Sono particolarmente orgoglioso di presentare un’iniziativa che ribadisce l’impegno che la nostra Università porta avanti da molti anni per favorire l’accesso dei rifugiati all’istruzione universitaria e alla ricerca, e promuovere l’integrazione sociale e la partecipazione attiva alla vita accademica – ha commentato Il Magnifico Rettore dell’Università di Bari Stefano Bronzini – ora stiamo lavorando a una Task Force che risponda con azioni concrete e realmente inclusive all’emergenza in Afghanistan” – ha concluso.

Alle sue parole fanno eco quelle dell’assessore al Welfare Francesca Bottalico. “Siamo felici di poter contribuire alla costruzione di un’esperienza cittadina di accoglienza sociale, educativa e formativa – ha commentato – in rete con l’Università di Bari, la Caritas e Migrantesliberi con i quali abbiamo consolidato da tempo importanti collaborazioni sul tema dell’inclusione e dell’accoglienza. In particolare, l’assessorato al Welfare promuoverà un programma di incontro e confronto multiculturale con la rete delle biblioteche popolari interculturali avviate in questi anni in tutta la città, la rete dei centri sociali e socio-culturali cittadini. Inoltre – prosegue – in linea con i programmi comunali Essere Comunità e Famiglie senza confini, intendiamo offrire occasioni di conoscenza, accompagnamento, accoglienza diffusa e pratiche di welfare di comunità coinvolgendo la cittadinanza e le famiglie in momenti informali, attraverso pranzi e cene sociali e pomeriggi culturali organizzati in casa e in altri luoghi, così da offrire occasioni di inclusione reale per tutto il periodo di permanenza dei giovani universitari” – ha concluso.

“I corridoi universitari son un piccolo segno di speranza ed un’importante opportunità formativa – ha aggiunto il Direttore Caritas diocesana Bari Bitonto, don Vito Piccinonna. Dello stesso avviso è Don Geremia Acri di Migrantes Liberi: “La cultura è un bene comune primario e vitale come l’acqua. I teatri, le biblioteche, i cinema sono come tanti acquedotti. La cultura rende liberi e veri perché da’ la possibilità di pensare con la propria testa e ti rende capace di assumere decisioni e posizioni, in modo che non sia ‘qualcun altro’ a farlo. Le migrazioni dei nostri tempi ci danno una grande chance: superare le nostre paure per lasciarci arricchire dalla diversità del dono di ciascuno. Siamo figli e figlie della stessa terra che diventa la nostra casa” – ha concluso.


© RIPRODUZIONE ANCHE PARZIALE RISERVATA - Borderline24 Il giornale - Ti invitiamo a usare i bottoni di condivisione e a non copiare l'articolo.

ConfagricolturaBari
CattolicaBari

LASCIA UN COMMENTO:

Scrivi il tuo commento
Il tuo nome qui