Cabtutela.it
aqp.it
ferrovieappulolucane.it

Una nuova opportunità per finanziare progetti di riqualificazione di contesti urbani marginalizzati delle regioni meridionali, è quanto prevede il bando sugli Ecosistemi dell’innovazione nel Mezzogiorno, presentato questa mattina dall’Agenzia per la Coesione territoriale e dalla Regione Puglia, in collaborazione con ARTI, l’Agenzia regionale per la tecnologia e l’innovazione.

La manifestazione di interesse per la candidatura di progetti volti a creare ecosistemi dell’innovazione nel Mezzogiorno è stata pubblicata dall’Agenzia per la Coesione territoriale si chiuderà il 12 novembre 2021. Quest’ultima si inserisce in una delle prime azioni del PNRR che prevede la promozione di ecosistemi dell’innovazione, cioè di luoghi di contaminazione e collaborazione tra università, centri di ricerca, settore privato, società civile e istituzioni per lo sviluppo di idee e soluzioni innovative.

Due gli scopi principali dell’avviso pubblico, finanziato con risorse del Fondo complementare pari a 350 milioni di euro (70 milioni di euro all’anno tra il 2022 e il 2026), riservate a contesti urbani marginalizzati delle regioni meridionali: premiare le competenze e le soluzioni innovative messe in campo dai centri di ricerca meridionali, in collaborazione con aziende, amministrazioni e altri soggetti, con effetti positivi sia in campo economico che sociale e finanziare progetti per luoghi e territori meridionali non sufficientemente valorizzati, così da aiutarne la riqualificazione e rifunzionalizzazione. Tra questi ex aree industriali, edifici storici, fabbricati senza una specifica funzione che potranno di fatto trasformarsi in luoghi di ricerca e sperimentazione dove impresa, università e amministrazioni lavorano insieme.

“La Puglia sposa in pieno la logica dell’intervento nazionale sugli ecosistemi dell’innovazione, come dimostra il fatto che anche le nostre politiche regionali di sviluppo economico e sociale sono da tempo e sempre più mirate a favorire le sinergie tra soggetti pubblici e privati, la condivisione di strategie e percorsi, l’integrazione tra fonti di finanziamento per amplificare gli impatti” – ha dichiarato l’assessore regionale allo Sviluppo Economico Alessandro Delli Noci a margine dell’evento – “ma la sinergia è anche tra le politiche nazionali con quelle regionali. Al potenziamento di ecosistemi territoriali in Puglia stiamo lavorando non solo con specifiche azioni di rafforzamento della ricerca collaborativa e dei suoi asset, ma anche sperimentando da tempo e con successo la costruzione partecipata di iniziative economiche che impattano direttamente su territori meno attrezzati o più marginali: penso anche a iniziative come Luoghi comuni e in prospettiva, alle nuove politiche giovanili” – ha concluso.

“Inauguriamo oggi un percorso di condivisione ampio e capillare con gli stakeholders regionali, pubblici e privati, su tutte le opportunità che il PNRR potrà generare – ha commentato invece il capo di Gabinetto della Regione Stefanazzi- è fondamentale che le decisioni che il sistema Puglia adotterà relativamente alla messa a terra dei fondi del PNRR, siano frutto di condivisione. Solo un continuo scambio di informazioni consentirà non solo di realizzare spesa quantitativamente utile ma soprattutto qualitativamente adeguata” – ha concluso.

Dando avvio alla presentazione dell’avviso in Puglia, seguita in presenza e da remoto da una numerosa rappresentanza dei centri di ricerca, Stefanazzi ha rimarcato inoltre la volontà della Regione di portare avanti un percorso di larga condivisione degli obiettivi con i soggetti qualificati del territorio. Il direttore del Dipartimento regionale dello Sviluppo economico, Gianna Elisa Berlingerio, ha poi rilevato l’importanza delle sinergie per poter cogliere in maniera strategica tutte le opportunità di finanziamento e di sviluppo di progettualità, mentre il presidente di ARTI, Vito Albino, ha notato la centralità degli ecosistemi industriali anche nella nuova strategia industriale europea e della concorrenza di una pluralità di attori e di funzioni in una logica di sistema per il raggiungimento di obiettivi strategici. Silvia Pellegrini, direttrice del Dipartimento per le Politiche del lavoro, istruzione e formazione della Regione Puglia, ha evidenziato l’importanza di condurre misure integrate tra i due Dipartimenti.

L’avviso pubblico è stato presentato da Giorgio Martini, dirigente dell’Agenzia della Coesione territoriale. La procedura prevede in particolare due fasi. La prima è finalizzata a raccogliere candidature di idee progettuali e che verranno valutate in termini di coerenza e ammissibilità, nella seconda verranno invece presentati i progetti veri e propri da valutare in termini di fattibilità tecnica, finanziaria, temporale. La proposta deve individuare il sito da riqualificare e da riadattare alle esigenze di un ecosistema. L’avviso finanzierà quindi le opere infrastrutturali, di eventuale bonifica, i costi di progettazione e per attrezzature. Non saranno finanziate invece le attività di R&S, TT e di alta formazione.

Al bando potranno partecipare organismi di ricerca (università, enti, ecc.) in collaborazione tra loro e/o con enti locali, imprese e altri soggetti pubblici o privati, in numero minimo di tre. La durata massima dei progetti non può superare i 36 mesi e l’ammontare dell’investimento può variare tra i 10 milioni e i 90 milioni di euro, che potranno essere coperti anche totalmente dal finanziamento statale. Ulteriori informazioni sono presenti sulla pagina web del Ministro per il Sud.

Al termine della presentazione, il Capo di Gabinetto ha incontrato distretti tecnologici pugliesi, nell’ambito di un percorso avviato per una migliore e condivisa programmazione nell’uso integrato e sinergico delle risorse dei fondi strutturali FESR e del PNRR.

Foto repertorio


© RIPRODUZIONE ANCHE PARZIALE RISERVATA - Borderline24 Il giornale - Ti invitiamo a usare i bottoni di condivisione e a non copiare l'articolo.

ConfagricolturaBari
CattolicaBari

LASCIA UN COMMENTO:

Scrivi il tuo commento
Il tuo nome qui