SABATO, 15 GIUGNO 2024
73,887 ARTICOLI
Dir. resp.:Samantha Dell'Edera
redazione@borderline24.com

Per segnalazioni: +39 375 5535222
73,887 ARTICOLI

Direttore Responsabile: Samantha Dell'Edera
Per segnalazioni:
Cell. +39 375 5535222
Email: redazione@borderline24.com

Combattimenti clandestini, sei pitbull salvati in Campania: ora hanno un rifugio a Roma

Pubblicato da: redazione | Mar, 7 Dicembre 2021 - 15:00
- PUBBLICITÀ LEGALE -
bari.aci.it"

Sei cani, legati quasi certamente al fenomeno dei combattimenti clandestini, sono stati salvati grazie a Humane Society International (HSI) e alla Fondazione Cave Canem (FCC) e portati in un rifugio sicuro a Roma per essere curati e riabilitati.

L’operazione di sequestro dei cani è stata condotta in provincia di Salerno dalla Procura della Repubblica di Lagonegro, dal Nucleo Operativo dei Carabinieri di Sala Consilina con l’ausilio dei Carabinieri Forestali di Padula. All’interno dell’operazione è stato scoperto anche un primo spazio all’allenamento degli animali e un secondo dedicato alla loro riproduzione.

Comincia con questa vicenda il nuovo progetto “Io Non Combatto”, nato dalla volontà di prevenire e reprimere i combattimenti clandestini tra cani, grazie alla collaborazione di partner come i Carabinieri Forestali e l’Università di Napoli Federico II.

I sei pitbull, quattro femmine e due maschi, che mostrano tutti i segni dei maltrattamenti subiti: cicatrici, ferite aperte, magrezza, fobia e aggressività, sono stati trasferiti in un rifugio di Roma a seguito della richiesta da parte della Procura di Lagonegro e della ASL di Salerno.

La custodia giudiziaria è stata assegnata alla Fondazione CAVE CANEM, che opera insieme a Humane Society International nel progetto “Io non combatto”, per dare agli animali un riparo accogliente, le attenzioni e il supporto necessari a garantire il loro recupero psicofisico.

Una volta giunti al rifugio, i cani sono stati immediatamente sottoposti a tutti gli accertamenti veterinari utili a ottenere un quadro completo sul loro stato di salute e sono stati coinvolti in scrupolose valutazioni comportamentali per stabilire il miglior percorso di riabilitazione per ognuno di loro.

“Questa operazione è la prima di innumerevoli azioni integrate contemplate dal progetto “Io non combatto” e pensate per riportare l’attenzione su un fenomeno criminale di violenza inaudita quale è il combattimento tra animali – spiega Federica Faiella, Cofondatrice e Vicepresidente della Fondazione Cave Canem – i sei cani tratti in salvo, presentano segni di maltrattamento evidenti e disagi comportamentali di rilievo. Al loro fianco ci sarà d’ora in poi un team di medici veterinari e educatori cinofili che li accompagneranno in un percorso di recupero restituendo l’equilibrio perso e donando loro la speranza di una famiglia”.

“Le cicatrici sui corpi di questi cani e la tristezza nei loro occhi dimostrano che questa pratica illegale è ancora presente e rimarcano la necessità di dare vita a un progetto come Io Non Combatto con l’obiettivo di agire con forza per reprimerla e aiutare gli animali coinvolti – sottolinea Martina Pluda, direttrice per l’Italia di HSI – solo con un’azione congiunta e unita e con il supporto, le competenze e la sensibilità di magistrati, Forze dell’Ordine, veterinari, educatori cinofili, volontari e cittadini possiamo fermare queste attività criminose a danno degli animali”.

© RIPRODUZIONE ANCHE PARZIALE RISERVATA - Borderline24.com
Ti invitiamo a usare i bottoni di condivisione e a non copiare l'articolo.

Occupazione post laurea, il Politecnico di...

Il Politecnico di Bari è l’ateneo italiano con il più alto...
- 15 Giugno 2024

Turismo, dal fascino antico alla natura:...

Dalla natura al fascino antico, siamo nel cuore dell'Abruzzo, luogo in...
- 15 Giugno 2024

Bari, nell’ex Manifattura feci umane a...

Ci sono feci umane sulle saracinesche abbassate del mercato dell'Ex Manifattura....
- 15 Giugno 2024

Fine settimana dal sapore estivo ma...

Weekend di metà giugno dal sapore estivo, ma non per tutti....
- 15 Giugno 2024