LUNEDì, 22 APRILE 2024
72,668 ARTICOLI
Dir. resp.:Samantha Dell'Edera
redazione@borderline24.com

Per segnalazioni: +39 375 5535222
72,668 ARTICOLI

Direttore Responsabile: Samantha Dell'Edera
Per segnalazioni:
Cell. +39 375 5535222
Email: redazione@borderline24.com

Bari, sparatoria in pieno giorno, Schingaro: “Il San Paolo non può continuare ad essere un’appendice malata della città”

Pubblicato da: Samantha Dell'Edera | Sab, 2 Aprile 2022 - 16:00
“Al quartiere San Paolo si è tornati a sparare, due episodi in poco tempo. Certo, oggi, sono due eventi, ma i processi sociali che li hanno prodotti hanno una storia lunga. Questi processi sono il frutto dell’ abbandono del nostro quartiere e delle sue marginalità”. A parlare in un lungo post su Facebook è il presidente del municipio III, Nicola Schingaro, in merito alla sparatoria al San Paolo, per la quale la polizia ha già arrestato il prresunto responsabile.
“Sono processi che, a causa della crisi sanitaria e sociale, hanno visto un peggioramento negli ultimi anni – spiega Schingaro –  Come presidente e come studioso riconosco e sottolineo il fatto che tali processi hanno potuto svilupparsi per le mancate risposte della politica ai problemi della popolazione del quartiere (e non solo di questo quartiere) e quindi la politica si deve assumere la responsabilità di proporre e sviluppare soluzioni. Mi assumo la responsabilità di individuare concrete azioni per farlo e spero che questo sia fatto a tutti i livelli istituzionali. Per inaridire il terreno sotto i piedi delle mafie, non bastano solo le politiche basate su repressione e controllo, seppur talvolta necessarie. Così come, non bastano da sole le pur utili politiche di welfare messe attualmente in campo, a sostegno delle fragilità. Al loro fianco, occorrono politiche di welfare strutturali e di ampio respiro. C’è bisogno del lavoro per offrire ai giovani una prospettiva di normalità”.
“Bisogna pensare – continua – ad una strategia di interventi di lunga portata con il potenziale di cambiare la storia del quartiere. Questo quartiere deve poter vivere normalmente, con negozi, scuole, uffici. Non può continuare ad essere un’appendice malata della città. Per questo, anche se non le si vuole attribuire un potere taumaturgico, e non può da sola cambiare il volto del nostro territorio, la proposta di spostare anche fisicamente un pezzo di Università nel quartiere, può essere in grado di contribuire alla costruzione di una narrazione nuova, di un mondo di certo alternativo, ma possibile. E sul serio spero che a tutti i livelli si affianchi il Municipio 3 e si inizi a parlare concretamente di come realizzare tale progetto, ben sapendo che si deve inserire in una più ampia visione di rinascita del quartiere San Paolo”.
“Ho letto diversi post e commenti sull’accaduto. Ne comprendo il senso di paura, non ne condivido invece il senso di rassegnazione fine a stessa, che – drammatizzando il male – evocano l’incubo di un ritorno al passato più buio del quartiere, come se proprio nulla fosse nel frattempo cambiato. Bisogna invece reagire. Lo dobbiamo al quartiere.   Lo dobbiamo alla città”, conclude.
© RIPRODUZIONE ANCHE PARZIALE RISERVATA - Borderline24.com
Ti invitiamo a usare i bottoni di condivisione e a non copiare l'articolo.

Rimpasto Giunta Regione Puglia, è fumata...

Decisione rinviata sul rimpasto della giunta Emiliano. La riunione tra il...
- 22 Aprile 2024

Trapianti di polmone e pancreas nel...

L'attività trapiantologica nella Regione Puglia ha fatto segnare negli ultimi tre...
- 22 Aprile 2024

Il Bari 2023/24: una squadra “forte”...

La gara contro il Pisa, avrebbe dovuto rappresentare la partita della...
- 22 Aprile 2024

Bari, addio al proprietario del ristorante...

Giornata di lutto nel mondo della ristorazione barese per la morte...
- 22 Aprile 2024