lapugliativaccina.regione.puglia.it

“E’ evidente e persino ‘normale’ che chi vince le elezioni, ed è chiamato a governare, voglia essere supportato da persone di fiducia che condividono programmi e linee politiche. Così come è giusto che quando ‘cambia l’aria’ e gli elettori eleggono altri politici, i ‘nominati’ tornino ‘a casa’ anche loro, anche per non dar adito a pensare che si è attaccati alla poltrona. Il centrodestra ha dimostrato di non esserlo: esponenti autorevoli si sono dimessi dalla Fondazione Teatro Petruzzelli quando in Puglia vinse il centrosinistra: solo dopo pochi giorni dalla vittoria di Nichi Vendola, il 16 aprile del 2005 Mario Carrieri, rappresentante espresso dalla Regione guidata da Raffaele Fitto, si dimise per permettere al nuovo governo regionale di esprimere uno proprio di fiducia. Qualche mese dopo la sovrintendente Angiola Filipponio lasci? di fronte a un cambio di rotta del Comune di Bari e della Regione Puglia. Due modelli di comportamento e stile: di un centrodestra non attaccato alle poltrone”. A parlare è il consigliere regionale di Fratelli di Italia, Michele Picaro.

“Per questo condivido, come consigliere regionale e comunale, l’invito dei colleghi del Comune di Bari, Antonio CiaulaPino Monaco e Giuseppe Viggiano, che invitano i due componenti del CdA, Sara Allegretta e Matteo Pertosa, nominati dall’allora ministro Dario Franceschini (Governo Conte) a rassegnare le dimissioni – continua –  Chiaramente in questo contesto non entriamo nel merito del lavoro fatto ma è evidente che l’allora Governo aveva individuato due persone che meglio rappresentavano e attuavano la volontà e le decisioni politiche nella Fondazione. Ma ora alla guida del Governo c’è Giorgia Meloni e il ministro è Gennaro Sangiuliano: Allegretta e Pertosa condividono la sua visione politica e culturale? Francamente non credo e quindi perché dovrebbero restare? Quale Governo rappresentano?”


© RIPRODUZIONE ANCHE PARZIALE RISERVATA - Borderline24 Il giornale - Ti invitiamo a usare i bottoni di condivisione e a non copiare l'articolo.

ConfagricolturaBari

LASCIA UN COMMENTO:

Scrivi il tuo commento
Il tuo nome qui