GIOVEDì, 25 APRILE 2024
72,720 ARTICOLI
Dir. resp.:Samantha Dell'Edera
redazione@borderline24.com

Per segnalazioni: +39 375 5535222
72,720 ARTICOLI

Direttore Responsabile: Samantha Dell'Edera
Per segnalazioni:
Cell. +39 375 5535222
Email: redazione@borderline24.com

Partiti i lavori di Costa Ripagnola. Ma Legambiente prosegue la sua battaglia

Pubblicato da: redazione | Ven, 24 Marzo 2023 - 11:00

Nel parco Regionale Costa Ripagnola sono iniziati i lavori dell’impresa proprietaria dei trulletti tipici del parco che sarà destinato ad un resort. Ma Legambiente Puglia prosegue la sua battaglia: “Il valore archeologico, culturale, ambientale e paesaggistico dell’area non può conciliarsi con un progetto turistico-alberghiero”. Restano dunque, spiegano gli ambientalisti, inascoltate le voci di chi ha a cuore il parco, il paesaggio e l’ambiente.

A febbraio del 2020 si compiva l’iter autorizzativo del Parco della Costa Ripagnola e già all’inizio di quella storia Legambiente Puglia si augurava che non rimanesse un atto sulla carta, privo di contenuti e soprattutto sprovvisto di un’adeguata protezione e gestione. Oggi, a distanza di 3 anni, la parola “parco” continua ad esistere nelle speranze di chi ha più a cuore il paesaggio e l’ambiente.

Legambiente, inoltre, a più riprese ha esortato una soluzione condivisa che tutelasse sia l’aspetto ambientale che le pretese imprenditoriali dei proprietari ma purtroppo le perplessità dell’associazione in merito allo sviluppo di quell’area non sono mai state prese in considerazione. E così si è giunti al punto che da qualche settimana l’impresa proprietaria dei famosi trulletti, ha iniziato i lavori di “riqualificazione con recupero architettonico dei trulli a destinazione turistico – alberghiera”.

“Lasciamo la definizione delle questioni squisitamente tecniche e procedurali nelle sedi adeguate, ma ancora una volta esprimiamo la nostra ferma opposizione alle azioni regionali su questa faccenda che, quantomeno, ha degli aspetti da chiarire a vari livelli. – ha detto Ruggero Ronzulli, presidente di Legambiente Puglia – Di certo, questa situazione, ha l’intervento della Corte Costituzionale sulla legge istitutiva del Parco nata male, cui la Regione non ha dato seguito.

Il valore archeologico e paesaggistico di questo tratto di costa – continua Ronzulli – non può in alcun modo trovare sintesi in un progetto turistico alberghiero che pretende di trasformare un’area iconica del nostro territorio, di grande valenza ambientale e paesaggistica, collocata all’interno di un parco regionale, in una zona modificata in modo rilevante e riservata a pochi. Abbiamo riposto la massima fiducia nella capacità di mediazione degli uffici regionali che dovrebbero essere in grado di andare oltre la regolarità di un iter autorizzativo, ma, ancora una volta, il silenzio vince di gran lunga sull’azione”.

© RIPRODUZIONE ANCHE PARZIALE RISERVATA - Borderline24.com
Ti invitiamo a usare i bottoni di condivisione e a non copiare l'articolo.

Bari, l’ultimo discorso di Decaro in...

"Ieri ho fatto il mio ultimo discorso da sindaco in consiglio...
- 24 Aprile 2024

Asl Bat, al via progetto pilota...

Sarà avviata a maggio negli ospedali Bonomo di Andria e Dimiccoli...
- 24 Aprile 2024

Per i ponti 16 milioni di...

Quasi 16 milioni di partenze e una complessivamente circa 5,5 miliardi...
- 24 Aprile 2024

Bari, al Demodè Club arriva il...

Venerdì 26 aprile al Demodè Club di Modugno (Ba) diretto da...
- 24 Aprile 2024