SABATO, 25 MAGGIO 2024
73,406 ARTICOLI
Dir. resp.:Samantha Dell'Edera
redazione@borderline24.com

Per segnalazioni: +39 375 5535222
73,406 ARTICOLI

Direttore Responsabile: Samantha Dell'Edera
Per segnalazioni:
Cell. +39 375 5535222
Email: redazione@borderline24.com

Nuova protesi mitralica impiantata a cuore battente

Pubblicato da: redazione | Sab, 25 Marzo 2023 - 20:26
- PUBBLICITÀ LEGALE -
bari.aci.it"

Una nuova protesi mitralica transcatetere, di produzione italo-francese, è stata impiantata a cuore battente per la prima volta al mondo nell’uomo con un intervento eseguito a Torino all’ospedale Molinette. La protesi, chiamata Epygon, si posiziona senza ricorrere alla tradizionale circolazione extracorporea, ossia all’intervento a cuore aperto. È stata ideata nel Bioparco di Colleretto Giacosa (Torino) e sviluppata in Francia. La paziente è una donna di 62 anni che soffriva di una grave forma di insufficienza mitralica, giudicata non trattabile con intervento cardiochirurgico tradizionale per molteplici fattori di rischio.

La paziente è stata trasferita presso la riabilitazione di Veruno dopo soli 5 giorni di ricovero. “Queste procedure – spiegano alla Città della Salute – sono chiamate transcatetere e vengono effettuate in modo ottimale da parte di gruppi specializzati, chiamati Heart Team. È una tecnica già applicata in tutto il mondo sulla valvola aortica (Tavi) per pazienti molto anziani o ad alto rischio operatorio. Ma applicare lo stesso metodo sulla valvola mitrale è una novità. Innanzitutto le fasi dell’invenzione e dello sviluppo sono molto più difficili perché l’anatomia di questa valvola è ben più complessa di quella della valvola aortica.

L’intervento necessita inoltre della perfetta collaborazione dell’Heart Team in centri iper-specializzati”. L’operazione è stata eseguita da Stefano Salizzoni – coadiuvato da Michele La Torre e Antonio Montefusco – nel dipartimento cardio-toraco-vascolare delle Molinette diretto da Mauro Rinaldi. Epygon, sviluppata dalla francese Affluent Medical, ha superato un lungo iter “grazie alla sinergia tra industria, aziende ospedaliere ed università dei due Paesi, ed ha ottenuto il nulla osta del Comitato Etico interaziendale”. I direttori dei Centri universitari di Torino e Lione, Mauro Rinaldi e Marco Vola, esprimono “soddisfazione per il risultato clinico, per la collaborazione forte tra le due équipe, soprattutto perché il processo di ricerca e sviluppo della protesi valvolare è stato tutto condotto in ambito europeo, tra Italia e Francia”.

© RIPRODUZIONE ANCHE PARZIALE RISERVATA - Borderline24.com
Ti invitiamo a usare i bottoni di condivisione e a non copiare l'articolo.

A Monopoli l’incontro “Nati per Leggere...

Il 22 giugno prossimo, con il patrocinio del Comune di Monopoli,...
- 25 Maggio 2024

Anziana trovata morta in casa, fermato...

Un'anziana è stata trovata morta nella sua abitazione al piano terra...
- 25 Maggio 2024

Al via da martedì ai nuovi...

Sono 71.508 i candidati che da martedì 28 maggio tenteranno il...
- 25 Maggio 2024

Il mondo nerd alla riscossa: a...

Il mondo nerd alla riscossa con Levante For la manifestazione dedicata...
- 25 Maggio 2024