DOMENICA, 21 APRILE 2024
72,642 ARTICOLI
Dir. resp.:Samantha Dell'Edera
redazione@borderline24.com

Per segnalazioni: +39 375 5535222
72,642 ARTICOLI

Direttore Responsabile: Samantha Dell'Edera
Per segnalazioni:
Cell. +39 375 5535222
Email: redazione@borderline24.com

Caro-vita: cresce indebitamento delle famiglie. Aumento rischio usura

Ogni cittadino italiano risulta indebitato per circa 9.949 euro. Lo studio di Assoutenti

Pubblicato da: redazione | Mar, 28 Novembre 2023 - 12:39

Ogni cittadino italiano, neonati compresi, risulta a fine 2023 indebitato mediamente per circa 9.949 euro, mentre ogni famiglia residente porta sulle spalle un debito verso banche e società finanziarie che ammonta in media a 22.674 euro. I dati arrivano oggi da Assoutenti, che lancia inoltre l’allarme sovraindebitamento e usura.

Gli italiani hanno reagito all’inflazione alle stelle degli ultimi due anni e alla rapida crescita dei tassi di interesse sui mutui da un lato intaccando i risparmi, con la propensione al risparmio scesa secondo l’Istat del -3,6% nei primi sei mesi del 2023 rispetto allo stesso periodo del 2022, sia ricorrendo a prestiti e piccoli finanziamenti anche per affrontare le spese quotidiane. A fine 2023 – stima Assoutenti – il valore del credito al consumo raggiungerà il record di 160 miliardi di euro in Italia, con una crescita del +220% rispetto a 20 anni fa, considerato che a fine 2002 l’ammontare dei debiti per l’acquisto di beni e servizi era sotto i 50 miliardi di euro.

Lo stock dei mutui accesi dalle famiglie ammonta invece oggi a 425 miliardi di euro: 162 miliardi di euro il valore dei soli mutui a tasso variabile. Prestiti, mutui e finanziamenti che pesano complessivamente per 585 miliardi di euro, pari ad un debito medio, considerata la popolazione italiana, di 22.674 euro a famiglia, quasi 10mila euro a cittadino residente.

Solo nel biennio 2022/2023, il rialzo dei prezzi al dettaglio (+8,1% l’inflazione media del 2022, +5,7% quella acquisita per il 2023) ha determinato complessivamente, e a parità di acquisti, una maxi-stangata da 4.185 euro a famiglia a titolo di spesa aggiuntiva per beni e servizi – analizza Assoutenti. A tutto ciò si aggiunge il dramma dei tassi di interesse: i continui rialzi imposti dalla Bce negli ultimi due anni portano un mutuo a tasso variabile da 150mila euro della durata di 25 anni a costare oggi +4.380 euro all’anno rispetto a quanto pagato nel 2021, con la rata mensile salita in media di +365 euro. La rata mensile di un mutuo da 125mila euro (sempre a 25 anni) sale invece di +270 euro sul 2021, con un maggior costo annuo pari a +3.240 euro.

Una situazione incendiaria che da un lato alimenta il fenomeno del sovraindebitamento, dall’altro spinge una fetta crescente di popolazione a finire nelle maglie dell’usura – denuncia Assoutenti.

Proprio per affrontare la delicata situazione delle famiglie italiane e discutere delle iniziative da intraprendere per creare una economia più sostenibile e vicina ai bisogni dei consumatori e del Paese, si terrà dal 12 al 14 dicembre a Portici (NA) la kermesse “Expo consumatori 2023” presso il Museo Nazionale delle Ferrovie di Pietrarsa, in una edizione combinata al villaggio della sostenibilità promosso da Adiconsum. Appuntamento annuale l’Expo dove consumatori, istituzioni e autorità si confrontano sui temi di attualità, evento intitolato quest’anno “Per un’Italia che cresce, originale, circolare, felice” e che vedrà protagonisti rappresentanti del Governo, della politica, delle grandi aziende e associazioni dei consumatori.

© RIPRODUZIONE ANCHE PARZIALE RISERVATA - Borderline24.com
Ti invitiamo a usare i bottoni di condivisione e a non copiare l'articolo.

Un droga party in pieno centro...

La foto non lascia nulla al caso. Bottiglie di super alcoolici...
- 21 Aprile 2024

Ricerca di personale nel settore turistico:...

Dalla nuova indagine realizzata da Risposte Turismo “The Challenges of Human...
- 21 Aprile 2024

Decaro si candida alle Europee: “Non...

Con un post sui suoi canali social il sindaco di Bari,...
- 21 Aprile 2024

Mantenere un neonato è sempre più...

Anche quest’anno l’O.N.F. – Osservatorio Nazionale Federconsumatori ha aggiornato il monitoraggio...
- 21 Aprile 2024