LUNEDì, 22 APRILE 2024
72,665 ARTICOLI
Dir. resp.:Samantha Dell'Edera
redazione@borderline24.com

Per segnalazioni: +39 375 5535222
72,665 ARTICOLI

Direttore Responsabile: Samantha Dell'Edera
Per segnalazioni:
Cell. +39 375 5535222
Email: redazione@borderline24.com

Bari, oltre un mese per una visita specialistica Asl a malato in casa

La denuncia di una cittadina: "Se scegliamo di prenderci cura di anziani a casa che vengano almeno garantiti diritti"

Pubblicato da: Francesca Emilio | Ven, 8 Dicembre 2023 - 19:43

E’ l’8 novembre e, dopo due mesi di attesa dalla richiesta, la Asl le fornisce la fornitura di pannoloni mutande per la persona malata assistita in casa, ma dopo un mese, quest’ultima cade e si frattura il femore, dunque, essendo allettata, necessita non più di panni “a mutanda”, ma di quelli a strappo. Da qui la richiesta, da parte  di chi se ne occupa, di effettuare la variazione, alla quale però, come risposta, le viene sottoposta la necessità di richiedere la visita di uno specialista del quale però, per più di un mese, “non si vede neanche l’ombra”.

E’ il calvario che una cittadina barese, alle prese con tempi burocratici lenti e sanità a tratti “indifferente”, sta vivendo da quando, ormai da tempo, ha scelto di accudire in casa, rifiutando il ricovero in lunga degenza, un parente malato. Una scelta, evidenzia, effettuata per “permettere a quest’ultimo di essere accudito a casa con amore e rispetto”. Una scelta che però sta costando caro, non solo in termini economici, in quanto, evidenzia “anche gli ausili medici ho dovuto comprarli a mie spese”, ma soprattutto in termini mentali perché, molti dei diritti che dovrebbero essere garanti alla persona malata e a chi sceglie di prendersene cura, non sono rispettati.

Fino al primo dicembre, a distanza di un mese dalle dimissioni protette con relativo procedimento di ADI – evidenzia con tono esausto e arrabbiato –  “non si è visto nessuno”. La donna avrebbe diritto a pannoloni a strappo, infermiere per cambio catetere con relativi accessori e medicazione piaga, fisioterapia domiciliare. La situazione si è parzialmente sbloccata il 4 dicembre, giornata in cui – racconta – “sono venuti a fare una visita”. “Dalla settimana prossima dovrebbero venire a cambiare il catetere, un primo passo è stato fatto, ma spero che arrivi presto anche l’urologo, in modo che almeno non dovrò comprare più anche i panni così che, ogni 15 giorni, arriverà l’infermiere. Per ottenere questo è passato solo un mese…solo. Fino al 4 dicembre non abbiamo visto nulla, ma abbiamo pagato tutto e tutti, tranne il mio lavoro di badante. Allora ditelo che gli anziani li dobbiamo buttare oppure chiudere nelle RSA perché se ci comportiamo diversamente ce la dobbiamo piangere tutta. Non si può prescrivere fisioterapia necessaria e poi mandarla dopo mesi…i muscoli si atrofizzano” – conclude.

Foto Freepik

© RIPRODUZIONE ANCHE PARZIALE RISERVATA - Borderline24.com
Ti invitiamo a usare i bottoni di condivisione e a non copiare l'articolo.

Bari, addio al proprietario del ristorante...

Giornata di lutto nel mondo della ristorazione barese per la morte...
- 22 Aprile 2024

Disabilità: l’importanza dei montascale per garantire...

Nell'affrontare la vita quotidiana, le persone con disabilità si trovano spesso...
- 22 Aprile 2024

Il Festival della Valle d’Itria festeggia...

Si aprirà con la 'Norma' di Vincenzo Bellini, che nel 1977...
- 22 Aprile 2024

Nel Barese in 15 firmano per...

Un anno di formazione per imparare l'arte del panificatore oppure per...
- 22 Aprile 2024