GIOVEDì, 25 APRILE 2024
72,720 ARTICOLI
Dir. resp.:Samantha Dell'Edera
redazione@borderline24.com

Per segnalazioni: +39 375 5535222
72,720 ARTICOLI

Direttore Responsabile: Samantha Dell'Edera
Per segnalazioni:
Cell. +39 375 5535222
Email: redazione@borderline24.com

Per sbloccare lo smartphone del futuro basterà il respiro

Rubrica tecnologia: Il futuro della sicurezza e della privacy è il respiro

Pubblicato da: Ylenia Bisceglie | Sab, 24 Febbraio 2024 - 11:26

Sono ormai lontani i tempi in cui per sbloccare lo smartphone avevamo bisogno di ricordarne il codice, ma ben presto potrebbe essere vintage anche sbloccarlo con impronta digitale o riconoscimento facciale. Il futuro della sicurezza e della privacy è il respiro.

La scoperta arriva ad un’equipe di scienziati indiani del Madras Institute of Technology di Chennai, che ha iniziato quasi per caso a sperimentare i dati respiratori registrati da un sensore di velocità dell’aria per capire se potessero essere letti dall’Intelligenza Artificiale. Lo scopo iniziale dello studio era identificare su un campione le persone con difficoltà respiratorie, e grazie a un sensore di velocità dell’aria in grado di effettuare più di 10.000 letture al secondo, gli scienziati hanno raccolto i dati di 10 respiri consecutivi per ciascun volontario.

Contro ogni aspettativa, l’AI è stata in grado di attribuire il respiro al giusto proprietario con un’accuratezza del 97%, basandosi esclusivamente sulla velocità di emissione del respiro.

Secondo il team, i risultati potranno essere migliorati drasticamente perfezionando la procedura grazie all’inserimento di nuovi parametri da rilevare, come densità dell’aria, temperatura, composizione.

Ma come può questo essere applicato allo sblocco dei nostri smartphone?

Ad oggi non c’è modo di poter implementare questa tecnologia su uno degli smartphone odierni, ma gli scienziati ne ipotizzano il futuro utilizzo.

Questo perché il respiro è effettivamente inimitabile, unico e differente individuo da individuo. Il deflusso dell’aria dipende infatti da diversi fattori, quali la conformazione delle vie aree, della laringe, della faringe e delle cavità nasali, oltre che come già detto la velocità di emissione del fiato.

La caratteristica unica di questo metodo di sblocco sarebbe anche il fatto che funziona esclusivamente se la persona in questione è in vita, non c’è modo infatti di utilizzare questo sistema di sblocco post mortem, cosa, invece, possibile con gli altri sistemi di sblocco attualmente in uso.

 

Foto:freepik

© RIPRODUZIONE ANCHE PARZIALE RISERVATA - Borderline24.com
Ti invitiamo a usare i bottoni di condivisione e a non copiare l'articolo.

Bari, l’ultimo discorso di Decaro in...

"Ieri ho fatto il mio ultimo discorso da sindaco in consiglio...
- 24 Aprile 2024

Asl Bat, al via progetto pilota...

Sarà avviata a maggio negli ospedali Bonomo di Andria e Dimiccoli...
- 24 Aprile 2024

Per i ponti 16 milioni di...

Quasi 16 milioni di partenze e una complessivamente circa 5,5 miliardi...
- 24 Aprile 2024

Bari, al Demodè Club arriva il...

Venerdì 26 aprile al Demodè Club di Modugno (Ba) diretto da...
- 24 Aprile 2024