GIOVEDì, 25 APRILE 2024
72,720 ARTICOLI
Dir. resp.:Samantha Dell'Edera
redazione@borderline24.com

Per segnalazioni: +39 375 5535222
72,720 ARTICOLI

Direttore Responsabile: Samantha Dell'Edera
Per segnalazioni:
Cell. +39 375 5535222
Email: redazione@borderline24.com

Meno politica e più intrattenimento, ecco la linea seguita da Meta

Il manager spiega le ragioni

Pubblicato da: redazione | Sab, 24 Febbraio 2024 - 18:57

Più intrattenimento e meno post politici. Questa è la nuova linea seguita da Meta con due dei suoi social, Instagram e Threads. Il manager Adam Mosseri, che guida proprio Instagram, ha pubblicato un post sul blog aziendale dove spiega la decisione. Nella pratica, verrà lanciato un nuovo menu all’interno delle impostazioni delle due piattaforme dove gli utenti potranno scegliere se limitare o meno i post suggeriti su personaggi politici che non si seguono. Si continueranno invece a visualizzare i contenuti dei politici già seguiti, sempre in base all’ordinamento dell’algoritmo di Meta. “Vogliamo che Instagram e Threads siano una fantastica esperienza per tutti – ha scritto Mosseri – quindi se decidi di seguire account che pubblicano contenuti politici, non vogliamo intrometterci tra te e i loro post, ma non vogliamo nemmeno consigliare in modo proattivo contenuti politici da account che non segui”. Meta limiterà i suggerimenti relativi a questi argomenti per impostazione predefinita, con l’aggiornamento che non influirà sul modo in cui le persone vedono i post degli account che hanno scelto di seguire.

“Il nostro obiettivo è preservare la capacità degli utenti di scegliere di interagire con i contenuti politici, rispettando al contempo il desiderio di ognuno”. La mossa è solo l’ultima con cui Meta cerca di scoraggiare gli utenti dal discutere di argomenti che considera potenzialmente problematici. L’azienda blocca già dai risultati di ricerca parole “sensibili”, inclusi i termini relativi ai vaccini e al Covid. Resta da capire in che modo i social considereranno “politici” i post degli utenti non coinvolti direttamente nel dibattito pubblico. A tal proposito, i professionisti potranno utilizzare la funzione “stato dell’account” nelle due app per controllare se i propri post sono considerati di parte e quindi idonei ad essere limitati dagli iscritti.

© RIPRODUZIONE ANCHE PARZIALE RISERVATA - Borderline24.com
Ti invitiamo a usare i bottoni di condivisione e a non copiare l'articolo.

Bari, l’ultimo discorso di Decaro in...

"Ieri ho fatto il mio ultimo discorso da sindaco in consiglio...
- 24 Aprile 2024

Asl Bat, al via progetto pilota...

Sarà avviata a maggio negli ospedali Bonomo di Andria e Dimiccoli...
- 24 Aprile 2024

Per i ponti 16 milioni di...

Quasi 16 milioni di partenze e una complessivamente circa 5,5 miliardi...
- 24 Aprile 2024

Bari, al Demodè Club arriva il...

Venerdì 26 aprile al Demodè Club di Modugno (Ba) diretto da...
- 24 Aprile 2024