MERCOLEDì, 22 MAGGIO 2024
73,328 ARTICOLI
Dir. resp.:Samantha Dell'Edera
redazione@borderline24.com

Per segnalazioni: +39 375 5535222
73,328 ARTICOLI

Direttore Responsabile: Samantha Dell'Edera
Per segnalazioni:
Cell. +39 375 5535222
Email: redazione@borderline24.com

Arresti a Bari, Cataldo nega davanti a gip e pm: “Nessun illecito”

Secondo il difensore le supposizioni sul marito dell'ex assessore Maurodinoia sarebbero nate da "una suggestione investigativa"

Pubblicato da: redazione | Lun, 8 Aprile 2024 - 16:24
- PUBBLICITÀ LEGALE -
bari.aci.it"

Si è dichiarato estraneo a qualsiasi ipotesi di compravendita di voti Alessandro Cataldo, il fondatore del movimento politico “Sud al Centro” e marito dell’ex assessore ai Trasporti, Anita Maurodinoia, ai domiciliari dallo scorso 4 aprile con l’accusa di associazione a delinquere finalizzata alla corruzione elettorale. Cataldo ha negato davanti a gip e pm l’esistenza di un “sistema Sandrino”. Secondo la Procura di Bari, Cataldo, sarebbe stato il promotore dell’organizzazione che avrebbe inquinato le elezioni amministrative di Bari nel 2019 e a Grumo Appula e Triggiano nel 2020, oltre alle regionali del 2020.

“È tutto nato da una suggestione investigativa – ha commentato a margine dell’interrogatorio di garanzia il difensore Mario Malcangi – ha negato il pagamento di 50 euro a voto. I problemi di corruzione elettorale sono documentati, ma non sono in alcun modo ascrivibili né fanno capo a lui. Era il coordinatore della campagna elettorale, ma le ipotesi criminose non sono ascrivibili a lui. Capisco la suggestione di credere che un sistema politico di porta a porta e telefonate sottenda un comportamento illecito, eticamente la cosa può essere non compresa dai più, ma non sottende illeciti” – ha evidenziato.

In merito invece agli elenchi con i dati degli elettori Malcangi ha detto che sono “tipici delle campagne elettorali per tenere sotto controllo il territorio nel senso migliore del termine, per verificare che tutte le possibilità di voto siano state approfondite. “Confidiamo di poter chiarire le cose, anche se ci vorrà di tempo” – ha concluso soffermandosi poi su Armando Defrancesco, accusatore di Cataldo evidenziando che “si tratta di un soggetto su cui va fatta una ponderata valutazione e che si è sempre rifiutato di rendere dichiarazioni alla Guardia di Finanza”. Per Cataldo il legale ha chiesto l’attenuazione della misura cautelare.

(Fonte Ansa)

Foto repertorio

© RIPRODUZIONE ANCHE PARZIALE RISERVATA - Borderline24.com
Ti invitiamo a usare i bottoni di condivisione e a non copiare l'articolo.

Obesità, è curabile con un approccio...

 E' stata firmata al Lido di Venezia, la Venice Declaration 2024 in occasione...
- 21 Maggio 2024

Puglia, dalla Regione 15 milioni per...

Quindici milioni di euro per procedere alla liquidazione delle somme restanti...
- 21 Maggio 2024

Vendevano fitofarmaci illegali, maxi sequestro nel...

Vendevano fitofarmaci illegali per un valore commerciale di 220mila euro. È...
- 21 Maggio 2024

Salute, dalla Regione Puglia ok a...

È stata approvata all'unanimità dal Consiglio regionale della Puglia la legge...
- 21 Maggio 2024