LUNEDì, 24 GIUGNO 2024
74,106 ARTICOLI
Dir. resp.:Samantha Dell'Edera
redazione@borderline24.com

Per segnalazioni: +39 375 5535222
74,106 ARTICOLI

Direttore Responsabile: Samantha Dell'Edera
Per segnalazioni:
Cell. +39 375 5535222
Email: redazione@borderline24.com

Bari, la storia di due cittadini che hanno sfidato la mafia

Il racconto del sindaco Antonio Decaro sui social: "Ora sono liberi"

Pubblicato da: redazione | Ven, 26 Aprile 2024 - 14:34

“All’inizio ero indeciso, ma poi ho pensato che questa storia meritasse di essere raccontata. Lo merita la famiglia che ne è protagonista. Lo merita la nostra città”. Inizia così il racconto del sindaco Antonio Decaro che ha voluto condividere sui social la storia di Mario e Laura (nomi di fantasia), fratello e sorella vittime della criminalità. Proprio pochi giorni fa si è tenuta la prima udienza contro gli estorsori, con Decaro presente, al fianco dei due cittadini baresi.

“È la storia di Mario e Laura (sono nomi di fantasia), fratello e sorella – prosegue nel racconto il sindaco – che decidono di portare avanti la piccola impresa di famiglia ereditata dal padre. Due persone perbene che a un certo punto, a causa di una serie di rapine e di furti subiti nella loro azienda, si trovano in difficoltà. Hanno paura di non reggere. Qualcuno gli consiglia di rivolgersi alle persone sbagliate, “la famiglia Parisi”, gente senza scrupoli, che li mette sotto estorsione infiltrandosi nell’azienda promettendo una falsa protezione. I furti e le rapine, come d’incanto, da un giorno all’altro terminano. Ma un giorno sequestrarono un loro parente, alla ricerca di danaro. Una sera di cinque anni fa, ignaro di tutto, ho incontrato Mario e Laura. Avevano gli occhi sbarrati e la voce tremante. E usavano frasi allusive, strani giri di parole. Era chiaro che qualcosa non andasse. Era chiaro che si vergognavano, loro, le vittime (!) di raccontare quello che stava accadendo. Li ho convinti a farsi accompagnare dai Carabinieri. Insieme abbiamo trovato il coraggio di denunciare e da quel momento sono partite le indagini sugli estorsori”, evidenzia.

“Qualche giorno fa – scrive ancora Decaro – sono stato in tribunale per la prima udienza del processo, insieme al presidente dell’associazione antiracket. Avevo promesso loro che la città non li avrebbe abbandonati e ho voluto mantenere la promessa indossando la fascia tricolore: per rappresentare la città migliore, per dimostrare, lì, in quell’aula, che c’è una Bari che, come loro, non si arrende. Mentre Mario testimoniava aveva gli stessi occhi sbarrati e la stessa voce tremante della nostra prima conversazione. Allora ho cercato di incrociare il suo sguardo. Per farci forza, l’uno con l’altro. A questa udienza ne seguiranno altre e altre ancora, e anche quando non sarò più il sindaco, spero di essere di nuovo al loro fianco. Così come spero che la storia di Mario e Laura voi tutti possiate raccontarla, nel vostro ufficio, a casa, nelle scuole, ai vostri amici e ai vostri famigliari. Possiate raccontarla a tutti quelli che dicono che Bari è una città mafiosa. Perché questa è la storia di una Bari orgogliosa, che si rialza. La storia di una Bari che ha vinto la paura col coraggio. L’abbraccio che vedete in questa foto è la prova che dal giogo della criminalità si può uscire. È l’abbraccio di cittadini finalmente liberi. Liberi perché hanno scelto di sfidare la mafia. Liberi, perché hanno vinto”, conclude.

© RIPRODUZIONE ANCHE PARZIALE RISERVATA - Borderline24.com
Ti invitiamo a usare i bottoni di condivisione e a non copiare l'articolo.

Vasco Rossi a Bari, previsti turni...

Il capoluogo pugliese si prepara ad ospitare Vasco Rossi per quattro...
- 24 Giugno 2024

Thailandia, ok alle nozze gay: è...

La Thailandia è diventata il primo paese del sud-est asiatico a...
- 24 Giugno 2024

Medimex, la musica internazionale torna a...

Ancora una volta Taranto epicentro della musica internazionale con un’edizione eccezionale...
- 24 Giugno 2024

Poca acqua per i campi, trattori...

Gli agricoltori pugliesi protestano per la carenza di acqua. Decine di...
- 24 Giugno 2024