DOMENICA, 16 GIUGNO 2024
73,906 ARTICOLI
Dir. resp.:Samantha Dell'Edera
redazione@borderline24.com

Per segnalazioni: +39 375 5535222
73,906 ARTICOLI

Direttore Responsabile: Samantha Dell'Edera
Per segnalazioni:
Cell. +39 375 5535222
Email: redazione@borderline24.com

In un anno 8mila beni culturali recuperati in Puglia e Basilicata

Ventiquattro le persone arrestate

Pubblicato da: redazione | Sab, 18 Maggio 2024 - 10:49
- PUBBLICITÀ LEGALE -
bari.aci.it"

Più di 8mila beni culturali restituiti allo Stato, tra cui opere di antiquariato e reperti archeologici. Venticinque persone arrestate e un centinaio denunciate per ricettazione, esportazione illecita di beni culturali, violazioni in materia di ricerche archeologiche, contraffazione di opere d’arte, violazioni ai danni del paesaggio e del codice a tutela dei beni culturali. Sono alcuni dei numeri che descrivono le attività che i carabinieri del nucleo a tutela del patrimonio culturale (Tpc) hanno svolto l’anno scorso in Puglia e Basilicata. Nel corso del 2023 sono state eseguita 60 perquisizioni domiciliari e locali che hanno consentito il recupero di beni che se fossero finiti sul mercato nero, avrebbero fruttato guadagni per 4 milioni di euro. Gli accertamenti dei militari si sono concentrati anche sulla vendita on line di oggetti di arte. Come quelli che 21 persone denunciate dai carabinieri avrebbero smerciato tramite e commerce: si tratta di beni risalenti tra il III e il V secolo avanti Cristo. Due le inchieste di rilievo condotte.

La prima, denominata Canusium, coordinata dalla procura di Trani, che ha permesso di scoprire un traffico internazionale di beni archeologici e che ha portato alla esecuzione di 21 misure cautelari a carico di altrettante persone accusate a vario titolo di associazione a delinquere finalizzata allo scavo clandestino, furto, ricettazione ed esportazione illecita di reperti archeologici e numismatici. La seconda ha interessato l’isola di San Nicola nell’arcipelago delle Tremiti, nel Foggiano, a tutela di aree ed edifici d’interesse storico e architettonico che ha portato alla segnalazione di 18 persone responsabili della violazione delle norme a tutela del patrimonio culturale e delle aree naturali protette, di occupazione di aree demaniali marittime in assenza di autorizzazioni.

© RIPRODUZIONE ANCHE PARZIALE RISERVATA - Borderline24.com
Ti invitiamo a usare i bottoni di condivisione e a non copiare l'articolo.

La Puglia in volo: ecco le...

Ventuno nuove rotte da e per la Puglia per l'estate 2024....
- 16 Giugno 2024

Vacanze? Non tutti si spostano da...

C’è chi resterà in Puglia (e chi ci tornerà in quanto...
- 16 Giugno 2024

I sette fatti più importanti a...

Prima gli exit poll e poi i risultati di Europee e...
- 16 Giugno 2024

In arrivo la quattordicesima, ecco come...

La quattordicesima arriverà tra la seconda metà di giugno e l'inizio...
- 15 Giugno 2024