BARI – Le attese possono raggiungere anche l’ora, sotto pensiline rotte o in alcuni casi inesistenti. La sera prendere un bus significa sperare che non salga qualche baby gang pronta ad importunare autisti e passeggeri. Senza considerare le condizioni in cui si viaggia, su mezzi rotti e sporchi. L’amministrazione comunale ha deciso di avviare un’operazione di risanamento complessiva, che parte dall’acquisto di nuovi pullman per finire all’installazione di telecamere per garantire maggiore sicurezza.

\r\n

Aggressioni

\r\n

Pugni, schiaffi, pietre contro i vetri, denunce e corse in pronto soccorso. Le aggressioni, verbali e fisiche a autisti, controllori e passeggeri, sono quasi all’ordine del giorno. Tra gli episodi che si raccontano e quelli che si ignorano “perché – dicono gli autisti e i controllori – tanto siamo abituati”, l’insicurezza sui bus, soprattutto su alcune linee (13, 11, 53) e soprattutto in determinati orari (dopo le 21 dalla stazione) rappresenta uno dei problemi principali che l’amministrazione e le forze dell’ordine stanno affrontando. Da un lato con l’installazione di telecamere e di pulsanti di allarme, dall’altro con l’intensificazione dei controlli.

\r\n

Stato dei mezzi

\r\n

Il parco mezzi dell’Amtab è costituito da 250 pullman. Sulla carta. Perché in realtà i “marcianti” cioè quelli che ipoteticamente possono circolare sono 207. Ipoteticamente perché di questi 207, settanta sono in perenne manutenzione ordinaria e straordinaria. In poche parole a disposizione per i passeggeri ci sono 140 pullman. E se uno solo di questi bus si rompe, salta l’intero equilibrio di orari e fermate. In alcuni casi i ritardi sono cronici e i baresi si sono quasi abituati. Perché quando, su una delle poche paline funzionanti dove si indicano i tempi di attesa, compare l’orario della corsa successiva, allora vuol dire che qualcosa nella macchina non ha funzionato: uno dei 140 pullman è tornato in officina. Anche la pulizia rappresenta una pecca, a cominciare dagli strati di polvere sui finestrini e le portiere. Tanto che l’Amtab sta pensando di istituire nuovamente il servizio di pulizia ai capolinea. Intanto il sindaco Antonio Decaro ha promesso l’arrivo di 50 bus nuovi entro l’anno.

\r\n

Le tabelle di marcia

\r\n

L’Amtab viene pagata dalla Regione per 10 milioni e 382mila chilometri. Ma l’attuale sistema di trasporto prevede transiti per 11 milioni e 200mila chilometri: la differenza non può essere coperta ed è per questo che in alcuni casi si presentano dei ritardi. L’amministrazione sta progettando una riorganizzazione complessiva del servizio, con una razionalizzazione delle corse: saranno realizzate delle circolari all’interno dei quartieri che si incroceranno con delle direttive che permetteranno di raggiungere altri punti della città.

\r\n

Portoghesi

\r\n

Il Comune di Bari ha giurato guerra a chi non paga il biglietto. In poco più di due mesi sono state emesse oltre 2500 sanzioni. I risultati si sono visti: basti pensare che a febbraio sono stati venduti quasi 67mila biglietti in più rispetto allo stesso periodo dell’anno scorso. Il presidente dell’Amtab, Nicola Marzulli, ha annunciato l’installazione di tornelli e l’obbligo di salita sui mezzi dalla porta anteriore, in maniera tale da fare usare il servizio solo a chi realmente paga il biglietto.

\r\n

Costo biglietto

\r\n

La prossima settimana saranno varate dalla giunta le modifiche tariffarie. Il biglietto dell’Amtab aumenterà: passerà da 90 centesimi a un euro (quello di corsa semplice) e da un euro a un euro e 20 quello da 75 minuti. Aumenti anche per i ticket giornalieri.  Confermate invece le agevolazioni per gli over 65, il cui abbonamento avrà valore annuale. Potranno viaggiare gratuitamente nelle fasce orarie 8.30-12.30 e 15.30-fine servizio. Nell’anno 2015, secondo i dati registrati dall’azienda, in nove mesi (da aprile a dicembre) sono stati 99.468 gli abbonamenti mensili gratuiti, con un relativo incremento dell’utilizzo dei mezzi pubblici e riflessi positivi sulla mobilità cittadina e sulla sicurezza stradale.\r\n”Sappiamo che, grazie a questa misura – commenta Decaro – tanti cittadini baresi hanno cominciato ad utilizzare l’autobus e oggi scelgono di lasciare definitivamente l’automobile a casa o ai propri figli. Inoltre, abbiamo sostenuto con convinzione che l’abbonamento dovesse essere un diritto per tutti i cittadini che hanno superato i 65 anni di età, indipendentemente dal reddito, perché attraverso questa iniziativa portiamo avanti una politica che incrementa la mobilità urbana, garantendo un minor numero di auto in circolazione e maggiore sicurezza per gli utenti della strada”.

\r\n

Assenteismo

\r\n

L’anno scorso, almeno fino ad ottobre, le assenze per malattia erano scese dalle 16mila giornate (complessive per tutti i dipendenti) del 2014 alle 11mila del 2015. Ma negli ultimi tre mesi dell’anno si è registrata un’ulteriore impennata facendo attestare le assenze a 13mila giornate. Questo ha spinto l’azienda ad aprire un tavolo di contrattazione con i sindacati per la modifica delle condizioni relative ai premi di produzione. Si è aperta una vertenza che ha portato a tre giornate di sciopero e alla firma da parte del direttore generale Francesco Lucibello di ordini di servizio che prevedono premialità in base alle effettive presenze in azienda. Lo schema è semplice: chi si assenta tra i 6 e gli otto giorni (sempre non continuativi) avrà una decurtazione del 17 per cento, chi raggiungerà gli 11 giorni del 34 per cento, i 14 giorni del 50 per cento e chi supererà i 15 giorni del 100 per cento.

Bif&st 2019 Bari
© RIPRODUZIONE ANCHE PARZIALE RISERVATA - Borderline24 Il giornale - Ti invitiamo a usare i bottoni di condivisione e a non copiare l'articolo.
caricamento...

LASCIA UN COMMENTO:

Please enter your comment!
Please enter your name here