Cabtutela.it
acipocket.it
ferrovieappulolucane.it

BARI – Come si possono raccontare la bellezza, l’arte e la natura in un modo non convenzionale? Lo svelerà Piergiorgio Odifreddi, giovedì 7 aprile,  all’interno della cornice mozzafiato delle Grotte di Castellana. Protagonisti dell’incontro, intitolato “La bellezza matematica nell’arte e nella natura”, saranno i numeri, dei quali il matematico e filosofo svelerà ogni segreto. Odifreddi è il secondo ospite di “Episodi”, il ciclo di incontri culturali organizzati dal Libro Possibile in collaborazione con Le Grotte di Castellana.

\r\n

“Le Grotte, che sono un’opera d’arte della natura, – afferma Odifreddi – sono l’ambiente ideale per soffermarsi a pensare al ruolo che la matematica ha sia nell’arte che, appunto, nella natura. Mostrerò una serie di immagini che ripercorrono l’intera storia dell’arte e le leggerò attraverso l’occhio di un matematico, mostrando come tra due discipline, l’arte e la matematica, esistano straordinarie affinità, e in che modo ciascuna possa illuminare gli aspetti nascosti dell’altra”.

\r\n

“Abbiamo scelto di ospitare Piergiorgio Odifreddi perché riesce a indagare la realtà attraverso una metodologia di ricerca diversa”, afferma la direttrice artistica del festival, Rosella Santoro. E aggiunge: “Usare i numeri per osservare la realtà e raccontare l’arte e la bellezza è una tecnica che fonda le sue radici nella nostra cultura classica. Ci piace poter parlare di bellezza da un punto di vista insolito, almeno nel sentire comune”.

\r\n

La discussione prenderà spunto da due libri di Odifreddi “Il museo dei numeri. Da zero verso l’infinito. Storie dal mondo verso la matematica” e “Come stanno le cose. Il mio Lucrezio, la mia Venere”. Nel primo volume il matematico affronta due domande poste dal il neurofisiologo Warren McCulloch; “Cos’è il numero, che l’uomo lo può capire? E cos’è l’uomo, che può capire il numero?”. Nel secondo indaga il “De Rerum Natura” di Lucrezio, dove sono esposte e difese le grandi teorie scientifiche di oggi (l’atomismo fisico-chimico, il materialismo psicologico, l’evoluzionismo biologico) e sono criticate le grandi superstizioni umanistiche di ieri (la filosofia non epicurea, la letteratura non realistica, la religione non deista).

\r\n

L’ingresso è di 3 euro a persona, previa prenotazione attraverso il portale delle Grotte di Castellana.


© RIPRODUZIONE ANCHE PARZIALE RISERVATA - Borderline24 Il giornale - Ti invitiamo a usare i bottoni di condivisione e a non copiare l'articolo.

ConfagricolturaBari
CattolicaBari

LASCIA UN COMMENTO:

Scrivi il tuo commento
Il tuo nome qui