Cabtutela.it
acipocket.it

“Sradicare le palme in via Sparano a Bari per far posto a «panchine, sedute e chaise longue» sarebbe un atto criminale. Peggio di Punta Perotti. E per giunta nel cuore della città”. A scriverlo su Facebook è il critico Vittorio Sgarbi, commentando il progetto di restyling di via Sparano. Un progetto fortemente contestato, tanto che è nato un gruppo su Facebook “Salviamo via Sparano” che conta più di 11mila adesioni e che per domani ha organizzato la prima riunione per discutere delle prossime iniziative di protesta.\r\n\r\nSotto accusa la decisione dell’amministrazione (imposta dalla Sovrintendenza) di eliminare i vasconi centrali con le 24 palme, ma anche il poco verde, la disposizione delle panchine, l’assenza di zone d’ombra. Il sindaco Antonio Decaro in Consiglio comunale ha garantito ai consiglieri che sarà presto organizzato un incontro con residenti, commercianti e associazioni, ma che il progetto non può essere bloccato. “Non posso bloccare la gara – ha detto –  non posso permettere alla città di Bari di perdere 4 milioni di euro. Via Sparano diventerà la strada più elegante di Bari”. 


© RIPRODUZIONE ANCHE PARZIALE RISERVATA - Borderline24 Il giornale - Ti invitiamo a usare i bottoni di condivisione e a non copiare l'articolo.

ConfagricolturaBari
CattolicaBari

LASCIA UN COMMENTO:

Scrivi il tuo commento
Il tuo nome qui