L’acido ialuronico è un glicosaminoglicano presente nella matrice extracellulare del derma e in numerosi altri tessuti, già presente nella cute fetale, si riduce progressivamente nell’adulto. Nel derma svolge funzioni di “impalcatura di sostegno” in quanto legandosi ad altre sostanze forma complessi macromolecolari che conferiscono compattezza alla cute e di idratazione in quanto ha elevata capacità di legare l’acqua. L’acido ialuronico usato per i filler, è di derivazione sintetica ed è immunologicamente inerte, atossico, biodegradabile e bioriassorbibile. Essendo una sostanza che va incontro a rapida degradazione, viene sottoposto a un processo di cross-linking che permette di migliorarne le proprietà viscoelastiche e la persistenza. Il meccanismo d’azione consiste in un riempimento volumetrico immediato dovuto alle proprietà viscoelastiche del prodotto e nella sintesi ex-novo di collagene per stimolazione dei fibroblasti. Non è necessario alcun test preliminare. L’acido ialuronico è contenuto in siringhe preconfezionate già pronte all’uso e viene iniettato nel derma superficiale e medio. In alcuni casi viene eseguita un’anestesia loco-regionale con lidocaina in sedi particolarmente dolorose (ad esempio le labbra). Le procedure che si utilizzano sono quelle della “tunnellizzazione”, in cui l’ago viene inserito quasi parallelamente alla superficie cutanea e il prodotto viene iniettato in fase di ritiro. In alcune sedi viene eseguita la tecnica a “micropomfi”, in cui l’inclinazione dell’ago è quasi perpendicolare alla superficie cutanea, e vengono eseguite microiniezioni lungo tutta la zona da trattare. Dopo il trattamento viene applicata una pomata antibiotica locale e del ghiaccio per ridurre la formazione di ecchimosi. La durata dell’acido ialuronico può oscillare dai 3 ai 12 mesi. Ogni singola seduta ha una durata di 15 minuti e normalmente è possibile riprendere la propria attività lavorativa e sociale il giorno stesso del trattamento. A seconda della viscosità del prodotto usato è possibile:\r\n

    \r\n

  • Aumentare il volume e la proiezione delle labbra;
  • \r\n

  • Correggere e riempire le rughe;
  • \r\n

  • Correggere i profili e i contorni del volto;
  • \r\n

  • Incrementare il volume e la proiezione di zigomi e mento;
  • \r\n

  • Ringiovanire aree cutanee sottili o fotodanneggiate (dorso delle mani).
  • \r\n

\r\nLe controindicazioni sono date da:\r\n

    \r\n

  • Infezioni virali o batteriche in atto;
  • \r\n

  • Gravidanza.
  • \r\n

\r\nComplicanze e/o effetti collaterali:\r\n

    \r\n

  • Reazioni di ipersensibilità al prodotto che si manifesta con edema, eritema e talora noduli;
  • \r\n

  • Granulomatosi persistenti per alcuni mesi;
  • \r\n

  • Formazione di ascessi o cisti dolorose nel sito di iniezione con comparsa di noduli.
  • \r\n

\r\nOggi son presenti sul “mercato” una vastissima scelta di fillers a base di acido ialuronico, il che ha portato ad una rincorsa al prezzo più basso. L’importante è affidarsi sempre a medici competenti che utilizzano prodotti di alta qualità, possibilmente reperiti in farmacia,  essere sempre consapevoli e informati del prodotto che viene iniettato, verificarne integrità, provenienza e scadenza e rifiutarsi categoricamente di farsi iniettare prodotti che non vengano aperti nell’istante del trattamento e soprattutto rifiutare che il prodotto venga in parte utilizzato e in parte conservato per successive infiltrazioni… le fiale di acido ialuronico sono solitamente di 0,8 ml o 1 ml, tali esigui volumi  possono essere infiltrati in toto in unica somministrazione senza alcun problema!

© RIPRODUZIONE ANCHE PARZIALE RISERVATA - Borderline24 Il giornale - Ti invitiamo a usare i bottoni di condivisione e a non copiare l'articolo.
sfiziesapori.it

LASCIA UN COMMENTO:

Please enter your comment!
Please enter your name here