Cabtutela.it
acipocket.it
aqp.it

Domani a Molfetta arriva la storia del volley, il Modena, anche quest’anno desiderosa di conquistare tutto quello che può, a livello nazionale e internazionale. Il PalaPoli vivrà una serata di gala e cercherà di dare una mano indispensabile all’Exprivia, a sua volta ringalluzzita dai quattro punti nelle ultime due giornate: tre contro Sora, uno a Perugia, contro un’altra corazzata.\r\n\r\nA rendere più complicato il match sarà anche la sconfitta degli emiliani nell’ultimo turno di campionato. Avranno voglia di rivincita, non lasceranno neanche una briciola di volontà, forti di un sestetto che vanta la diagonale composta da Orduna e Vettori, gli schiacciatori Ngapeth e Petric, centrali di spessore internazionale come Le Roux e Holt  (e non si dimentichi Piano), libero Rossini. L’Exprivia di Gulinelli, dal canto suo, non vuole lasciare alcunché di intentato. Si opporrà con la forza dell’entusiasmo e lo spirito di chi non ha nulla da perdere. Uno spirito che ha portato spesso risultati positivi soprattutto al PalaPoli.\r\n\r\nTanti i temi del match, a partire dalla sfida tra due opposti azzurri, Sabbi contro Vettori, per arrivare alla battaglia delle ricezioni tra De Pandis e Rossini (inizio stagione straordinario per entrambi, numeri alla mano il top in Italia nel loro ruolo). Per il resto servirà arginare lo strapotere fisico dei due centrali modenesi e la forza d’urto dei martelli.\r\n\r\n“Ancora una gara con una big di questo campionato – afferma Francesco Del Vecchio – e questa volta si gioca al PalaPoli. A favore di pubblico cercheremo di render loro la vita difficile. I nostri punti di Perugia, invece, ci hanno dato molta più fiducia ed è un aspetto importante per questo tipo di gare. Per il resto,  si tratta di partite che si preparano da sole, e stiamo lavorando sodo per farci trovare pronti. Penso che tutto il movimento si appresti a vivere una grande domenica di sport”.


© RIPRODUZIONE ANCHE PARZIALE RISERVATA - Borderline24 Il giornale - Ti invitiamo a usare i bottoni di condivisione e a non copiare l'articolo.

ConfagricolturaBari
CattolicaBari

LASCIA UN COMMENTO:

Scrivi il tuo commento
Il tuo nome qui