lapugliativaccina.regione.puglia.it

Duecentocinquantamila euro da Comieco (Consorzio Nazionale per il Recupero e Riciclo degli Imballaggi a base Cellulosica) ai Comuni colpiti dal sisma dell’agosto scorso.\r\n\r\nIl gesto di solidarietà e civiltà è stato possibile anche grazie al contributo dei cittadini di Pulsano, Mola di Bari, Cellamare e dei 21 Comuni dell’ARO7 Lecce, in cui Ercav gestisce il servizio di igiene urbana. Nello scorso settembre, infatti, hanno differenziato più carta e cartone proprio per trasformare la raccolta in contributi economici a favore dei comuni terremotati (7 euro ogni 100 kg di materiale conferito). Un gesto di civiltà alla portata di tutti: per ottenere 1 kg di carta pronta per il riciclo, basta differenziare, per esempio, due scatole di pasta, un giornale, un portauova, due sacchetti e uno scatolone di cartone.\r\n\r\nA fronte di un incremento nazionale pari a 3.500 tonnellate, i Comuni pugliesi hanno raccolto quasi 40mila kg in più così suddivisi: Mola di Bari 8540 kg, Cellamare 6360 kg, Pulsano 12100 kg ed i Comuni dell’ARO7 Lecce 12110 kg.\r\n\r\nL’iniziativa di Comieco, in collaborazione con Anci e Conai, è stata rivolta, in particolare, ai Comuni di Amatrice, Arquata del Tronto, Valle Castellana, Accumoli, Norcia, Acquasanta Terme, Montegallo, Cascia, Montereale, Montefortino, Preci, Capitignano, Montemonaco, Monteleone di Spoleto, Campotosto, Rocca Santa Maria e Castelsantangelo sul Nera.\r\n\r\n”I risultati ottenuti con questa iniziativa sono stati straordinari: grazie al contributo degli Italiani l’incremento di raccolta di carta e cartone di settembre 2016 su settembre 2015 è stato del 3% -ha dichiarato Carlo Montalbetti, direttore generale di Comieco- La risposta delle famiglie italiane ha permesso di ottenere un aiuto a questi Comuni nella strada per tornare alla normalità a dimostrazione che un semplice gesto come la raccolta differenziata può diventare un grande gesto di senso civico”.


© RIPRODUZIONE ANCHE PARZIALE RISERVATA - Borderline24 Il giornale - Ti invitiamo a usare i bottoni di condivisione e a non copiare l'articolo.

ConfagricolturaBari

LASCIA UN COMMENTO:

Scrivi il tuo commento
Il tuo nome qui