aqp.it
ferrovieappulolucane.it
amgasbarisrl.it

La Corte di Appello di Bari ha dichiarato il non luogo a procedere per prescrizione nei confronti dei costruttori baresi Antonio e Giuseppe Mininni, imputati per truffa nel processo sul Palagiustizia di via Nazariantz. I giudici del secondo grado hanno ritenuto però che l’accusa di truffa fosse prescritta già in primo grado e hanno addebitato al Comune di Bari, parte civile, le spese del giudizio d’appello.
In primo grado, nell’ottobre 2012, il Tribunale Monocratico di Bari aveva condannato i due fratelli, difesi dagli avvocati Tommaso Barile e Luca Colaiacomo, a 1 anno e 10 mesi di reclusione (pena sospesa) per truffa ai danni del Comune che nel 1999 aveva stipulato un contratto novennale di affitto dell’immobile per ospitarvi gli uffici giudiziari, pagando – secondo l’accusa – un prezzo superiore al valore della struttura (3 miliardi di lire all’anno). Nei confronti del Comune, che aveva chiesto un risarcimento danni di 1,5 milioni di euro, era stata rigettata la richiesta di provvisionale di 300mila euro. Per questo l’amministrazione aveva impugnato la sentenza. Già nel primo grado erano stati dichiarati prescritti gli altri reati contestati di frode in pubbliche forniture, truffa ai danni dell’Inail, proprietaria dell’immobile, e falso, tutti risalenti agli anni 1999-2001. Ora è stata dichiarata la prescrizione anche del reato di truffa che tuttavia, secondo i giudici dell’appello, era già estinto nel 2012 perché un anno dopo la stipula del contratto la società dei costruttori Mininni aveva venduto l’immobile cessando di percepire i canoni di locazione e quindi ogni profitto.


© RIPRODUZIONE ANCHE PARZIALE RISERVATA - Borderline24 Il giornale - Ti invitiamo a usare i bottoni di condivisione e a non copiare l'articolo.

ConfagricolturaBari
CattolicaBari

LASCIA UN COMMENTO:

Scrivi il tuo commento
Il tuo nome qui