A poca distanza da villa Giustinani, detta anche la “casa rossa”, in un sito con 80 ipogei risalenti tra IX e XII secolo, sono state rinvenute altre grotte e strutture sotterranee nel corso dei lavori di riqualificazione delle periferie (Pirp). Accade a San Marcello, nel quartiere San Pasquale: dopo la valutazione della Soprintendenza è stato deciso di non fermare le operazioni ma è stata disposta la presenza all’interno del cantiere di un geologo al fianco degli operai.

Nella zona sorgeranno la nuova sede del Municipio II, otto alloggi popolari e un nuovo campo da gioco nei pressi della chiesa di San Marcello. Oltre agli interventi relativi alle urbanizzazioni primarie, quali la fogna bianca, la fogna nera e la pubblica illuminazione. “Si procede con maggiore cautela – spiega Giuseppe Galasso, assessore ai Lavori pubblici – nel caso di rinvenimenti di valore storico. Non prevediamo rallentamenti”.

Bif&st 2019 Bari
© RIPRODUZIONE ANCHE PARZIALE RISERVATA - Borderline24 Il giornale - Ti invitiamo a usare i bottoni di condivisione e a non copiare l'articolo.
caricamento...

4 COMMENTI

  1. Sarebbe opportuno un archeologo e non un geologo.
    Come dire che ho l’impianto elettrico in corto e chiamo l’elettricista?
    Ma daii00

  2. Sarebbe opportuno un archeologo e non un geologo.
    Come dire che ho l’impianto elettrico in corto e chiamo l’idraulico?
    Ma daii
    Volevo dire.

LASCIA UN COMMENTO:

Please enter your comment!
Please enter your name here