Un laboratorio gratuito per dieci aspiranti comunicatori politici organizzato dall’agenzia di comunicazione Moscabianca, alle spalle dieci anni di campagne elettorali a livello regionale e nazionale.  Chiusa la fase selezioni, con più di 40 colloqui motivazionali, il laboratorio è partito il 10 novembre nella sede di via Emanuele Mola.

L\'articolo continua sotto alla pubblicità Storia d'Italia

Tra i docenti, oltre lo staff completo di Moscabianca coordinato da Serena Fortunato, il consulente Giuseppe Di Caterino e autore, con Giuseppe Veltri del libro Fuori dalla Bolla.

“Quattro italiani su dieci – spiega Fortunato – non sanno se andranno a votare, per chi voteranno. Insomma, gli esiti non sono affatto scontati. Molto si giocherà sulla capacità di mobilitazione dei disaffezionati, anche attraverso il ruolo dei social. Con il corso – continua Fortunato – proveremo non solo a ragionare su questi temi, ma anche a possibili soluzioni. Il primo obiettivo, per chiunque si candidi, deve essere quello di riannodare i fili del dialogo e della fiducia, fare della campagna elettorale un’occasione per riavvicinare i cittadini alle istituzioni”.

Il corso – frequenza obbligatoria, non sono ammesse assenze – si articolerà in sei lezioni ogni venerdì dalle 15 alle 18. Il programma prevede una prima parte di scenario politico-elettorale, un approfondimento sulla nuova legge elettorale, i punti di forza e di debolezza dal punto di vista comunicativo di tutti i partiti. Dopo si passerà alla organizzazione della campagna, il posizionamento del candidato, la strategia, l’utilizzo dei social e degli altri medie. A metà corso la classe sarà divisa in gruppi di lavoro: uno più orientato ai contenuti, scrittura di discorsi e interventi tematici, linee editoriali nella gestione dei canali social (coordinati da Enrico Olivieri, social media manager). Il secondo lavorerà in modo più approfondito sulla costruzione dell’immagine e la direzione creativa della campagna di comunicazione(coordinati dall’art director Claudio Mineccia, con ampia esperienza internazionale). Ci saranno riferimenti alla psicologia sociale e un approfondimento sulle fake news.  I ragazzi saranno coinvolti in varie esercitazioni, tra cui alcuni stress test con situazioni di crisi comunicativa che i partecipanti saranno chiamati a gestire e a sciogliere.
La prima giornata è stata introdotta dal prof. Franco Liuzzi, docente di comunicazione all’Università degli Studi di Bari e socio fondatore di Moscabianca.

© RIPRODUZIONE ANCHE PARZIALE RISERVATA - Borderline24 Il giornale - Ti invitiamo a usare i bottoni di condivisione e a non copiare l'articolo.
SEI UN UTENTE PROFESSIONAL?
SCOPRI LE OFFERTE VODAFONE SU MISURA PER TE
La compilazione del form autorizza il trattamento dei dati inseriti per finalità di contatto commerciale (Regolamento (UE) 2016/679)
TEL. P.I.

caricamento...

LASCIA UN COMMENTO:

Please enter your comment!
Please enter your name here