La proposta del presidente del consiglio comunale di Bari, Pasquale Di Rella, di anticipare alla mattina i consigli, anziché al pomeriggio, per risparmiare è stata bocciata. A far naufragare l’ipotesi è stata la maggioranza di centrosinistra. Favorevoli erano i consiglieri Ranieri (Area Popolare), Melchiorre (Fratelli D’Italia – Alleanza Nazionale), Caradonna (Gruppo Misto), Mangano (Movimento 5 Stelle). Contrari invece Smaldone (Iniziativa Democratica – Sud al Centro), Anaclerio (Realtà Italia), Cascella (Decaro per Bari), Giannuzzi (Decaro Sindaco), Bronzini (Partito Democratico).

L\'articolo continua sotto alla pubblicità Storia d'Italia

Di Rella aveva proposto di convocare 6 sedute consiliari, di cui 5 “ordinarie” e una dedicata al “Question Time” da svolgersi ogni lunedì e giovedì, dalle ore 9.00 alle ore 17.30. La motivazione non era essenzialmente di carattere economico, ma era finalizzata a smaltire gli 85 argomenti attualmente iscritti all’ordine del giorno dei lavori del consiglio comunale a cui certamente se ne aggiungeranno altri fino a marzo-aprile 2019.

© RIPRODUZIONE ANCHE PARZIALE RISERVATA - Borderline24 Il giornale - Ti invitiamo a usare i bottoni di condivisione e a non copiare l'articolo.
SEI UN UTENTE PROFESSIONAL?
SCOPRI LE OFFERTE VODAFONE SU MISURA PER TE
La compilazione del form autorizza il trattamento dei dati inseriti per finalità di contatto commerciale (Regolamento (UE) 2016/679)
TEL. P.I.

caricamento...

LASCIA UN COMMENTO:

Please enter your comment!
Please enter your name here