Cabtutela.it
Aproli
Filippo Anelli, presidente dell’Ordine dei medici di Bari, ha inviato oggi un esposto alla Procura di Bari in relazione all’aggressione avvenuta all’ospedale di Monopoli lo scorso 22 dicembre ai danni di un ortopedico da parte di un paziente. 
 
Anelli, riportando quanto accaduto, invita la Procura a valutare se siano ravvisabili condotte penalmente rilevanti e se procedere nei confronti degli eventuali responsabili di “condotte omissive e commissive”. Secondo l’Ordine sono infatti ravvisabili reati di omissione di atti di ufficio, in particolare relativamente alla predisposizione di ambiente di lavoro sicuro ed idoneo all’esercizio della professione sanitaria in ambito di sistema sanitario nazionale, interruzione di pubblico servizio e violenza privata.

Nell’esposto si ricordano i quotidiani episodi di violenza ai danni degli operatori e i ricorrenti richiami avanzati da parte dell’Ordine alle autorità competenti affinché intervenissero su condizioni di lavoro che non tutelano la sicurezza degli operatori e ledono i valori di dignità, decoro, autonomia e buon nome della professione medica.

Come presidente della Federazione nazionale degli Ordini dei Medici Chirurghi e Odontoiatri, Anelli ha chiesto al Governo interventi urgenti e intende chiedere al Comitato Centrale della Fnomceo di istituire un fondo per costituirsi parte civile in tutti i processi contro i medici vittima di aggressioni. “Non è ammissibile che in un paese industrializzato e civilizzato come dovrebbe essere il nostro – scrive Filippo Anelli – “si continui ad esercitare la professione medica esponendo i professionisti ad ogni rischio e confidando solo nella buona sorte”.


© RIPRODUZIONE ANCHE PARZIALE RISERVATA - Borderline24 Il giornale - Ti invitiamo a usare i bottoni di condivisione e a non copiare l'articolo.

ConfagricolturaBari
CattolicaBari

LASCIA UN COMMENTO:

Scrivi il tuo commento
Il tuo nome qui