Aveva in casa un minimarket della cocaina e, nonostante fosse agli arresti domiciliari, vendeva droga. È la scoperta fatta qualche sera fa a Palombaio, frazione di Bitonto, dove i carabinieri della locale Stazione, nell’ambito di un servizio mirato alla prevenzione e al contrasto della diffusione degli stupefacenti, hanno tratto in arresto un 46enne del luogo, già noto alle Forze dell’Ordine per reati analoghi, con l’accusa di detenzione ai fini dello spaccio di sostanze stupefacenti.

I militari, avuta la necessità di perquisire l’abitazione del 46enne, dato il continuo andirivieni di giovani che a tutte le ore del giorno e della notte entravano nell’edificio dov’è situato il suo appartamento, hanno scovato, all’interno del bagno del garage, occultato in un boiler, una pietra di cocaina del peso di 27 grammi,  ottanta dosi dello stesso stupefacente, per un peso di quasi 30 grammi, nonché circa 450 euro, in banconote di piccolo taglio, ritenute il provento dell’attività di spaccio.  All’interno del garage in uso al 46enne è stato rinvenuto e sottoposto a sequestro anche un bilancino di precisione e materiale per il confezionamento.

Dopo l’arresto, l’uomo, su disposizione della Procura della Repubblica di Bari, è stato quindi portato in carcere, accusato del reato di detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti e di evasione, poiché è emerso che, sebbene sottoposto agli arresti domiciliari, non si esimeva ad uscire dalla sua abitazione per prendere contatti con gli acquirenti.

© RIPRODUZIONE ANCHE PARZIALE RISERVATA - Borderline24 Il giornale - Ti invitiamo a usare i bottoni di condivisione e a non copiare l'articolo.
sfiziesapori.it

LASCIA UN COMMENTO:

Please enter your comment!
Please enter your name here