A 50 anni da quel giorno lo sbarco sul satellite terrestre è un tema di grande attualità, e “La terra vista dalla luna” è anche l’argomento su cui verterà la prossima edizione di Lectorinfabula, il festival di cultura europea organizzato dalla Fondazione Di Vagno a Conversano (Bari), giunto alla 15/a edizione, in programma dal 24 al 29 settembre.

Ricca di appuntamenti, l’edizione 2019 di Lectorinfabula proporrà 332 ospiti in 198 appuntamenti, articolati in sezioni differenti. L’iniziativa, che vede coinvolte altre ‘Fondazionì culturali della Puglia, vuole sottolineare la necessità di guardare i problemi del mondo da un punto di vista più distaccato per riuscire a capire dove va l’umanità. Il festival è stato presentato oggi a Bari.

«Tra i temi in discussione – ha detto Gianvito Mastroleo presidente della Fondazione Di Vagno – vi sono il sovranismo, la competizione tra gli stati europei, le crisi demografiche e i processi migratori, l’ambiente sempre più fragile, e quello che il mio amico Rino Formica ha definito “il rischio di decomposizione istituzionale”». Tra gli ospiti, l’illustratrice di fama internazionale Joelle Jolivet che per l’occasione realizzerà un albo su Conversano; Paolo Di Paolo e Lea Durante nello spettacolo “GG. Gramsci e Gobetti nel diciannove”; Fabrizio Gifuni e Lorenzo Pavolini nel reading “Marco Polo della Luna” (pseudonimo da combattente di Giuseppe Di Vagno). E ancora, tra gli altri, Franco Farinelli, Valentina Farinaccio, Paolo De Castro, Lucetta Scaraffia e Annalisa Camilli. Grande spazio alla comunicazione con gli appuntamenti organizzati in collaborazione con il Co.Re.Com Puglia. Nella settimana di Lectorinfabula anche due mostre: ‘Lunapocene, distruggeremo anche la luna?’, allestita nel Monastero di San Benedetto; e ‘Inshalla’ nel Castello Aragonese.

© RIPRODUZIONE ANCHE PARZIALE RISERVATA - Borderline24 Il giornale - Ti invitiamo a usare i bottoni di condivisione e a non copiare l'articolo.

LASCIA UN COMMENTO:

Please enter your comment!
Please enter your name here