Cabtutela.it

Molti luoghi di cultura in tutto il mondo hanno messo a disposizione di qualsiasi persona con una connessione internet il patrimonio artistico mondiale. Chiunque nei momenti di noia o in cui si sente di fare qualcosa di produttivo ma senza doversi muovere dal proprio divano può accendere il proprio computer o telefono e camminare virtualmente nei musei più famosi del mondo. La nostra città di Bari non è stata da meno, infatti è possibile fare delle visite guidate online dei luoghi della nostra perla pugliese che hanno aderito alla campagna #iorestoacasa.

Per gli appassionati di storia, il Parco Archeologico di Monte Sannace propone una visita virtuale completa dell’omonimo insediamento indigeno molto noto e tra i meglio conservati, e per concludere il tour è possibile osservare i suoi reperti nel Museo Archeologico Nazionale di Castello di Gioia del Colle, dove è anche possibile visitare una casa peucezia e guardare il video della sua ricostruzione in 3D.

Il Museo Nazionale Archeologico di Altamura permette di osservare oggetti dall’immenso valore artistico e culturale dall’età paleolitica a quella dell’alto medioevo e rende possibile ai visitatori virtuali di imparare la storia di quando i primi popoli si insediarono in Alta Murgia. La Galleria Nazionale della Puglia metterà a disposizione del pubblico i suoi quadri più importanti attraverso la sua pagina Facebook e accompagnerà alle opere d’arte una descrizione approfondita.

L’iniziativa #iorestoacasa rende possibile anche la visita di due castelli. Il Castello di Ceglie del Campo è parzialmente visitabile, infatti solo la parte occidentale dell’abitazione è visibile online, mentre il Castello Svevo di Bari propone una visita più completa ed interattiva. Non sarà solo possibile sapere della storia e delle mostre all’interno del castello normanno, ma si potranno imparare dettagli e punti di vista inediti, soprattutto attraverso dei video che saranno pubblicati regolarmente.

Questa iniziativa è partita un mese fa da 10 musei tra i più importanti del mondo. Ci sono collezioni per tutti i gusti: per gli appassionati di storia greca è possibile visitare il Museo Archeologico di Atene e se si vogliono vedere i reperti del Partenone o la stele di Rosetta è possibile cambiare tab e visitare il British Museum di Londra. Per chi vuole osservare la Gioconda senza farsi la lunga fila basta visitare il sito del Louvre, per coloro che vogliono immergersi nelle scene ispirate ai sogni e al mondo soprannaturale di Goya basta visitare il sito del Prado a Madrid o per gli appassionati di scuola fiamminga è possibile collegarsi al sito dell’Hermitage di San Pietroburgo. Andando oltreoceano, la National Gallery of Art di Washington e il Metropolitan Museum di New York hanno anche loro messo a disposizione del mondo il loro patrimonio artistico.

Tra i dieci musei che hanno inizialmente aderito, addirittura tre sono italiani. La Pinacoteca di Brera, che deve il nome al campo incolto (breda) su cui fu costruito, contiene le opere dal medioevo al ventesimo secolo e tra le più famose vi sono il Cristo Morto di Mantegna, lo Sposalizio della Vergine di Raffaello e il Bacio di Hayez.

Anche il museo degli Uffizi di Firenze è nella lista dei musei resi visitabili online nell’iniziativa di promuovere la cultura durante la quarantena. Gli Uffizi sono uno dei musei più famosi d’Italia e del mondo, presenti a Firenze dal 1580. La loro nascita è dovuta alla volontà della famiglia de’ Medici, padroni indiscussi della Firenze rinascimentale, che fino al 1769 utilizzarono l’edificio per mostrare la loro collezione privata di quadri, oggetti preziosi e sculture antiche. Lorenzo de’ Medici o detto il Magnifico è forse l’esponente più illustre della casata per il suo lavoro incessante da politico, mecenate, scrittore, poeta, molti non sanno anche inventore di diversi passatempi, tra cui giochi di carte, e il suo ritratto lo si può trovare ancora esposto nel museo degli Uffizi.

I Musei Vaticani completano la lista dei 10 musei visitabili online. Il polo museale è talmente ricco di storia e cultura che sembra riduttivo rinchiudere il loro valore in una lista di opere visitabili. La struttura contiene l’enorme collezione di opere d’arte raccolte dai papi in un tutti questi secoli e spazia dalla Cappella Sistina, agli appartamenti con gli affreschi di Michelangelo e Raffaello.

 

 


© RIPRODUZIONE ANCHE PARZIALE RISERVATA - Borderline24 Il giornale - Ti invitiamo a usare i bottoni di condivisione e a non copiare l'articolo.

ConfagricolturaBari
CattolicaBari

LASCIA UN COMMENTO:

Scrivi il tuo commento
Il tuo nome qui