Cabtutela.it

Emergenza Coronavirus e divieti di assembramento hanno portato al rinvio dell’edizione numero 30 della  Sagra della Ciliegia Ferrovia”. L’oro rosso di Puglia – in compenso – arriverà a tutti i cittadini pugliesi attraverso la modalità “Express”, consegnato in nove date (sei già definite e tre in via di definizione) dai soci dell’associazione culturale “In piazza”,  organizzatrice dell’evento con il patrocinio del Comune di Turi, la collaborazione dell’assocazione “Turpuglia” e la partnership di Uci, Coldiretti e Cooperativa l’Ortofrutticola. Parte del ricavato della raccolta fondi, al netto della spese, sarà destinato a fronteggiare l’emergenza che ha colpito le famiglie meno abbienti di Turi, in seguito al diffondersi del Covid-19.

I van brandizzati “Sagra della Ciliegia Ferrovia” raggiungeranno le piazze di Lecce, Brindisi, Taranto, Bari, Matera e Gallipoli, dal 6 all’11 giugno. In tale occasione avverrà, nel rispetto dei protocolli sanitari vigenti, la consegna delle casse di ciliegie a quanti avranno provveduto ad effettuare la prenotazione attraverso il form, disponibile sul sito www.sagraciliegiaferrovia.it.

Le consegne verranno effettuate secondo questo calendario:  6 giugno: Lecce. 7 giugno: Brindisi.  8 giugno: Taranto.  9 giugno: Bari.  10 giugno: Matera. 11 giugno: Gallipoli

Nel frattempo, sullo stesso portale, si potranno rivivere online le passate edizioni dell’evento, cliccando sui pin presenti sulla mappa che porteranno a ripercorrere la strada dell’oro rosso, con il richiamo agli eventi artistici e culturali e agli spettacoli che hanno animato Turi negli anni scorsi.

Un evento che ha portato centinaia di migliaia di persone a conoscere e apprezzare il prodotto premiato come Ciliegia migliore d’Italia nel corso delle edizioni 2004, 2005, 2006, 2008, 2015 e 2016 del concorso “C.Locchi”, organizzato ogni anno ad Orvieto da Slow-Food, Regione Lazio e Università della Tuscia, grazie alla buccia di colore rosso vermiglio, la polpa di colore rosa con una forma a cuore e un peduncolo allungato. 

“La Sagra non poteva non rivivere anche nel 2020 – ha commentato il vicesindaco e assessore al Marketing territoriale del Comune di Turi Fabio Francesco Topputi – Portare la nostra ciliegia nelle città più importanti di Puglia e Basilicata significa portare il marchio Turi e Ciliegia Ferrovia nella Regione. C’è simbiosi tra il nostro territorio e il suo elemento distintivo. La ciliegia ci rappresenta al pari di S.Oronzo e dalla Faldacchea e le va data la giusta importanza. Turi risplende attraverso il suo oro rosso e i suoi produttori e viceversa”.

“L’anno scorso in questi giorni le strade della nostra città si animavano di luci, musica, allegria, si festeggiava sua maestà “la ciliegia Ferrovia” – ha ribadito l’assessore alla Cultura del comune di Turi Teresa De Carolis – l’orologio che scandisce il tempo scandiva le ore della popolarità, quel cordone turistico-culturale e gastronomico che permetteva alla nostra comunità di balzare agli onori della cronaca nazionale e non solo. Quest’anno, le nostre strade rimarranno spente e vuote, ma i nostri cuori hanno continuato a pulsare, le nostre menti a pensare, ed ecco l’iniziativa “Sagra della ciliegia Ferrovia itinerante”: una piattaforma digitale che, proprio come una pellicola riavvolta, ci permetterà di rivivere le scorse edizioni e dove sarà possibile prenotare le ciliegie. Alcuni minivan viaggeranno con il nostro “oro” tra la gente di paesi e città limitrofe. Saremo noi a portare il nostro “principe” in giro per la Puglia perché un principe, come tale, merita tutti gli onori. Il virus ci ha fermati, ma noi abbiamo sempre continuato a lavorare”.

“Abbiamo temuto di dover annullare tutto ma anche se in forma ridotta e diversa siamo qui – così Livio Lerede, presidente dell’associazione culturale InPiazza – ringraziamo l’amministrazione comunale per il contributo offerto sotto l’aspetto organizzativo ed economico e speriamo di poter portare un pizzico di gusto sulle tavole dei pugliesi. La Sagra Express è per noi veicolo di soddisfazione. Turi non poteva rimanere ferma e fortunatamente si è messa in moto nonostante il lavoro. Acquisteremo dai produttori locali e raccoglieremo fondi destinati a coprire l’emergenza Covid 19 nel nostro paese. Non sarà la sagra che ci aspettavamo ma un antipasto della XXX edizione, rinviata inevitabilmente al 2021”.


© RIPRODUZIONE ANCHE PARZIALE RISERVATA - Borderline24 Il giornale - Ti invitiamo a usare i bottoni di condivisione e a non copiare l'articolo.

ConfagricolturaBari
CattolicaBari

LASCIA UN COMMENTO:

Scrivi il tuo commento
Il tuo nome qui