Cabtutela.it
acipocket.it

“Quella che oggi ci apprestiamo a inaugurare è la Campionaria della ripartenza. Una parola rievocativa di tante cose, ma soprattutto della forza di volontà, che è alla base della voglia di andare avanti”. Così Alessandro Ambrosi, presidente di Nuova Fiera del Levante, durante il suo intervento in occasione della cerimonia di inaugurazione della 84^ edizione della campionaria barese. Ambrosi ha incentrato il suo discorso sulle imprese che, durante il periodo più buio dell’emergenza sanitaria, “hanno rispettato le disposizioni governative per limitare il contagio, con grande senso di responsabilità. La pandemia è una macchina della verità – ha proseguito il presidente di Nuova Fiera del Levante – abbiamo imparato a fidarci delle competenze e ad esercitare il buon senso comune”.

Ha parlato nuovamente di forza di volontà, Ambrosi, ricordando quella di cui si è armata anche la Fiera, organizzandosi per la totale sicurezza e per supportare la campagna vaccinale. “Un segnale preciso per la comunità: di una fiducia nel futuro che ha radici nella storia della nostra città e nei luoghi simbolo, come la Fiera del Levante – ha raccontato Ambrosi, lanciando il suo appello alle nuove generazioni – Invitiamo i nostri giovani a lottare sempre, per costruire il futuro pensando sempre a chi verrà dopo di loro”. L’epidemia, secondo Ambrosi, ha ridato protagonismo ai territori e ha riportato l’attenzione sulle sfide del nostro territorio: “Saranno i parametri dei nuovi bilanci dell’impresa a raccontarci cosa è accaduto e cosa accadrà ancora – ha spiegato – Nei primi 6 mesi dell’anno la Puglia ha registrato un calo di nuove iscrizioni al registro delle imprese: ciò vuol dire che molti imprenditori si sono messi in pausa, hanno spento i motori. Di qui la necessità di incoraggiare la ripartenza”.

“Le imprese stanno andando incontro ad un autunno di drammatica crisi economica,” è l’allarme del presidente di Nuova Fiera, che, rivolgendosi al Premier Conte, lancia un appello – bisogna accelerare l’avvio dei piani di investimento. Il nostro slogan di quest’anno, “Pronti, partenza…fiera!”, racconta di come vogliamo essere parte di una squadra, che porti i colori della nostra città e della nostra regione, che si unisce per assumere l’impegno di agevolare la ripartenza.

Ambrosi, poi, ricorda l’attenzione che questa 84^ Campionaria barese rivolge ai temi del sociale, con le campagne di sensibilizzazione contro la malnutrizione infantile e in favore della parità di genere, alla produzione del vino pugliese con la prima edizione del Salone internazionale dei Vini, alle start up, all’innovazione, alla storia del territorio grazie alla collaborazione con il Museo Archeologico MarTa di Taranto.

“È stata la Camera di Commercio di Bari a sostenere il rilancio della Fiera più volte nel passato. Anche per questo occorre dare sicurezza alle Camere di Commercio proprio nel momento in cui le imprese ne hanno più bisogno – ha precisato Ambrosi, concludendo – Anche quest’anno, nonostante tutto, abbiamo voluto essere qui per non spezzare la catena di valori che la campionaria custodisce per la Puglia”.

Un intervento incentrato sulle imprese a cui ha fatto eco quello di Pasquale Casillo, presidente dell’Ente Fiera del Levante: “Definisco, come da tradizione la Fiera del Levante come la casa delle imprese e io stesso, da imprenditore, porto la voce delle imprese, declinata nel modo istituzionale”, ha esordito Casillo, elogiando la resilienza e la determinazione con la quale si è scelto di lavorare per l’organizzazione di una inaugurazione non scontata, che quest’anno si presenta come la “prova che la pandemia ci deve lasciare migliori di come ci ha trovati”.

“L’occasione non deve essere persa – ha spiegato il presidente dell’Ente Fiera – serve senso di responsabilità per noi ma anche e soprattutto per le nuove generazioni”. Casillo ha spiegato come il mondo delle imprese “si sta interrogando su come creare sul piano strutturale condizioni di crescita sul lungo periodo e si come si necessaria un’ampia condivisione su questi temi. Gli imprenditori, come le forze sociali e produttive del paese – ha proseguito – devono fare proposte organiche, sistemiche, complessive, per il nostro paese”. Un modo, questo, secondo il presidente dell’Ente Fiera, per Garantire l’efficienza complessiva del sistema barese, che si realizza con l’efficienza del sistema dei servizi e delle imprese. “Facciamo modo che il buon senso si faccia senso comune”, ha concluso.


© RIPRODUZIONE ANCHE PARZIALE RISERVATA - Borderline24 Il giornale - Ti invitiamo a usare i bottoni di condivisione e a non copiare l'articolo.

ConfagricolturaBari
CattolicaBari

LASCIA UN COMMENTO:

Scrivi il tuo commento
Il tuo nome qui