Cabtutela.it
acipocket.it
aqp.it

Non si è svolto l’annunciato incontro tra Matteo Renzi e il presidente del Consiglio Giuseppe Conte, atteso per le ore 13 di quest’oggi e che sarebbe stato fissato nuovamente per la giornata di giovedì. Un rinvio che è stato ufficializzato questa mattina dallo stesso leader di Italia Viva, che ha addotto come motivazione formale l’impossibilità a partecipare da parte del ministro – e parte della delegazione del partito – Teresa Bellanova, impegnata fino a domani a Bruxelles con il Consiglio dei ministri dell’Agricoltura europei. 

Argomentazione che non ha mancato di scatenare i maligni sull’ipotesi che Renzi temesse di trovarsi isolato di fronte alla compattezza che sembra emergere dagli incontri di ieri delle delegazioni del Partito Democratico e del Movimento 5 Stelle a Palazzo Chigi. Da qui la richiesta di spostare l’incontro, con la precisazione dell’ex rottamatore che sui temi del “salto di qualità” del governo il suo partito è pronto ad esprimersi attraverso un documento scritto. Renzi assicura anche nessuna battaglia per le poltrone all’orizzonte e, anzi, precisa che “le ministre sono pronte a rimettere il mandato, se serve”. 

Italia Viva starebbe, dunque, guadagnando qualche ora per mettere a punto la sua strategia nei confronti del premier, incentrata sulla sostanziale marcia indietro, già ottenuta dalla maggioranza, sulla governance del Recovery plan. Sarà, però, il presidente del Consiglio Conte a dare ufficialità al nuovo incontro, in cui diverrà chiara l’eventuale volontà di Italia Viva di operare nella direzione di un vero strappo di governo. 

Atteggiamento che è nelle ipotesi ma anche, già, al centro delle reazioni della maggioranza: “Chi pensa a fare giochini di palazzo in piena pandemia dimostra di essere un irresponsabile – è stato il commento del ministro per gli Affari Regionali, Francesco Boccia – Parlare di crisi è semplicemente surreale. I cittadini sono confusi perché invece di mettere davanti la pandemia c’è chi mette davanti le liturgie della politica. Io, per fortuna, faccio parte del Pd e Zingaretti non fa sconti, si è messo sulle spalle sin dall’inizio la coesione della maggioranza. Il Pd si occupa dei problemi del Paese”,  ha concluso Boccia. 

Intanto, dallo stesso premier Giuseppe Conte, è giunto, questa mattina, un messaggio di compattezza, espresso tramite videomessaggio in occasione della IX Cabina di Regia per l’Italia Internazionale: “Il governo sta remando in un’unica direzione per il rilancio economico del Paese – ha dichiarato il presidente del Consiglio – Ringrazio Di Maio e tutti i presenti per il lavoro svolto e per quanto continueranno a fare con tenacia nei prossimi mesi”. 


© RIPRODUZIONE ANCHE PARZIALE RISERVATA - Borderline24 Il giornale - Ti invitiamo a usare i bottoni di condivisione e a non copiare l'articolo.

ConfagricolturaBari
CattolicaBari

LASCIA UN COMMENTO:

Scrivi il tuo commento
Il tuo nome qui