Cabtutela.it
acipocket.it

“Le persone sono un po’ stanche e vorrebbero venirne fuori, anche se qualcuno morirà, pazienza”. Non sono passate inosservate le parole pronunciate durante un evento online dal presidente di Confindustria Macerata, Domenico Guzzini.

Guzzini, intervenuto nello specifico durante l’evento “Made for Italy per la Moda”, organizzato dall’associazione degli industriali, al quale hanno partecipato, tra gli altri, anche il presidente della Regione Marche, Francesco Acquaroli, il sindaco di Macerata Sandro Parcaroli ed esponenti di Confindustria Moda, stava effettuando un intervento in merito alle ricadute economiche della pandemia, indicando nella moda e nel turismo i settori che ne hanno risentito di più. In paricolare Guzzini in quell’occasione aveva specificato che si tratta di un periodo difficile, sottolineando che alle radici di questo, vi è non solo il momento storico, ma anche le ulteriori restrizioni al vaglio del governo, andate a ledere un settore che secondo il presidente Confindustria Macerata era in procinto di rialzarsi.

Poi la frase “Io penso che le persone sono un po’ stanche di questa situazione e vorrebbero, alla fine, venirne fuori. Anche se qualcuno morirà, pazienza. Ma così, secondo me, diventa una situazione impossibile per tutti”. Non sono mancate le polemiche in merito a tale dichiarazione. Il primo ad intervenire è stato il presidente Cna Macerata, Giorgio Ligliani.

“La disumanità di quella frase non è tollerabile faccio fatica solo ad ascoltarla – ha commentato Ligliani- La paura per la malattia, lo stress provocato dalla mancanza di socialità, la pesantissima crisi economica che sta colpendo tante imprese: tutto vero e reale ma nulla può giustificare o attenuare la gravità di una frase del genere. È anzi un’aggravante che a pronunciarla non sia l’ultimo analfabeta digitale su un qualsiasi social network ma il più alto rappresentante di una associazione di categoria sul territorio, in un evento ufficiale”.

Le scuse da parte di Guzzini sono arrivate immeddiatamente. Questo però non ha cambiato il corso degli eventi. Confindustria Macerata ha deciso infatti di chiudere la propria pagina Facebook, che ora appare “non disponibile”. Il video con l’intervento del presidente Domenico Guzzini è stato inoltre rimosso anche dai canali social e Youtube.

“Sinceramente chiedo scusa a tutti e in particolare alle famiglie toccate dal dramma del Covid, per la frase che ho pronunciato ieri nel corso del Forum Made For Italy. Ho sbagliato nei contenuti e nei modi – ha commentato Guzzini – Parlavo della vita aziendale e delle prospettive del lavoro e invece, preso dalla discussione, ho fatto un’affermazione sbagliata, che non raffigura il mio pensiero nè tantomeno quello dell’Associazione che rappresento. Sono molto addolorato per la mia dichiarazione che, quando ho riascoltato, ho realizzato quanto fosse grave e distante da ciò che penso, cioè che il bene più importante della vita di ognuno di noi siano la salute e la famiglia”.


© RIPRODUZIONE ANCHE PARZIALE RISERVATA - Borderline24 Il giornale - Ti invitiamo a usare i bottoni di condivisione e a non copiare l'articolo.

ConfagricolturaBari
CattolicaBari

LASCIA UN COMMENTO:

Scrivi il tuo commento
Il tuo nome qui