lapugliativaccina.regione.puglia.it
dona-il-sangue-regione-puglia-it
acquapertutti-aqp

Approvati dalla Giunta regionale della Puglia, su indicazione dell’assessore all’Istruzione, i criteri per l’erogazione da parte di Adisu Puglia delle borse di studio “Benefici e Servizi” dell’anno 2022/23.

Si tratta di una misura importante con cui la Regione Puglia garantisce ogni anno agli studenti meritevoli provenienti da famiglie a basso reddito di ricevere borse di studio -nella tradizionale ripartizione in quota in denaro, servizio residenziale e ristorazione – con contributi per studenti italiani, in mobilità internazionale e portatori di disabilità.

Con un investimento di oltre 78 milioni di euro si garantirà a tantissimi ragazzi e ragazze pugliesi, come sottolinea l’assessore regionale all’Istruzione, di proseguire il proprio percorso di studi in un’Università, Accademia di Belle Arti o Conservatorio musicale presenti sul territorio regionale.

L’assessore assicura che anche per il prossimo anno accademico è garantita la copertura del 100% degli aventi diritto: tutti gli studenti con i requisiti previsti nel bando riceveranno la borsa di studio Adisu.

I destinatari dell’intervento sono gli studenti italiani e stranieri in possesso dei requisiti economici e di merito iscritti presso gli Atenei universitari, i Conservatori musicali o le Accademie di Belle Arti della Puglia per l’Anno Accademico 2022/2023:  ad un corso di laurea, laurea magistrale e laurea magistrale a ciclo unico; ad un dottorato di ricerca (attivato ai sensi della L. n. 210/1998) purché non beneficiari della borsa di studio erogata dall’Università, a valere su finanziamenti ministeriali o su fondi di istituzioni pubbliche e private; ad una Scuola di specializzazione, ad eccezione di quelle dell’area medica di cui al D.lgs. n. 368/1999; ai corsi di laurea e laurea specialistica attivati ai sensi della L. n. 508/99.

Inoltre, in attuazione degli obiettivi previsti dal Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza, il Ministero dell’Università e Ricerca ha disposto, con una circolare dell’11 maggio 2022, un incremento delle borse di studio per il periodo di riferimento del PNRR (2021-2026) e, dunque, dall’anno accademico 2022/2023 sino all’anno accademico 2025/2026.

Un incremento che sarà in misura ancora maggiore per gli studenti fuori sede, anche al fine di tenere conto della loro condizione particolarmente disagiata. Questo consentirà dunque all’amministrazione regionale di erogare agli studenti e studentesse pugliesi contributi maggiori per il diritto allo studio.


© RIPRODUZIONE ANCHE PARZIALE RISERVATA - Borderline24 Il giornale - Ti invitiamo a usare i bottoni di condivisione e a non copiare l'articolo.

ConfagricolturaBari

LASCIA UN COMMENTO:

Scrivi il tuo commento
Il tuo nome qui