MARTEDì, 23 LUGLIO 2024
74,724 ARTICOLI
Dir. resp.:Samantha Dell'Edera
redazione@borderline24.com

Per segnalazioni: +39 375 5535222
74,724 ARTICOLI

Direttore Responsabile: Samantha Dell'Edera
Per segnalazioni:
Cell. +39 375 5535222
Email: redazione@borderline24.com

Bari, biopsie in 3d dei tumori al seno: esami più precisi e meno attese

Pubblicato da: redazione | Ven, 24 Marzo 2023 - 06:36
- PUBBLICITÀ LEGALE -
aqp.it"

L’unità operativa Screening mammografico dell’Ospedale di Venere si è dotata di una postazione per eseguire indagini in 3d per la diagnosi precoce e il trattamento del tumore al seno: è la seconda apparecchiatura, in aggiunta a quella in uso all’Ospedale San Paolo, che permette di eseguire esami più precisi nei casi di lesioni sospette e che contribuisce a ridurre drasticamente le attese per le pazienti.

Si tratta della Biopsia stereotassica con guida mammografica tridimensionale, ossia un prelievo minimamente invasivo di frammenti mammari che viene eseguito nelle donne con test di screening dal risultato dubbio e che permette al medico di individuare lesioni anche di 2 millimetri e capire la tipologia di micro calcificazione.

“Grazie a questa nuova dotazione tecnologica – dice il direttore generale ASL, Antonio Sanguedolce – raddoppiamo la capacità diagnostica in ambito senologico, perché si tratta della seconda apparecchiatura, in aggiunta a quella già in uso presso l’Ospedale San Paolo a disposizione delle pazienti. Nello stesso tempo – aggiunge – riduciamo da 40 a 10 i giorni di attesa per le donne con esito dubbio del test di screening e che necessitano quindi di un esame di approfondimento. L’attività interventistica sotto guida stereotassica al Di Venere è un ulteriore investimento attivato dalla ASL per potenziare la rete oncologica aziendale, che, in ambito mammografico, può contare su uno strumento ancora più efficiente per dare una risposta alle donne con patologia senologica e fare indagini con immagini di altissima definizione e qualità”.

La biopsia con mammografo 3d è una procedura minimamente impattante sulla paziente e ha una durata limitata, stimata generalmente in venti minuti. La dottoressa Alessandra Gaballo, senologa responsabile della UOSVD Screening mammografico della ASL, spiega che si tratta di un “intervento ambulatoriale per il quale non serve il ricovero. Il prelievo – aggiunge la senologa – viene effettuato con una macchina certificata a livello nazionale ed europeo che, a sua volta, aspira mediante un ago tessuti mammari sotto la guida precisa del mammografo 3d – prosegue la dottoressa – grazie al quale è possibile individuare lesioni millimetriche con estrema precisione”.

L’attività interventistica con guida stereotassica si aggiunge alla attività di prelievo sotto guida ecografica che nel corso del 2022 ha registrato solo presso l’ospedale Di Venere 240 procedure. La tipologia di prelievo viene stabilita dal medico in base al tipo di lesione e alla densità mammaria della paziente.

© RIPRODUZIONE ANCHE PARZIALE RISERVATA - Borderline24.com
Ti invitiamo a usare i bottoni di condivisione e a non copiare l'articolo.

Scoperti mentre si scambiano droga sul...

Sequestro di hashish e arresto di due ventenni italiani sul lungomare...
- 22 Luglio 2024

Bari, raccolta fondi online per il...

C'è una raccolta fondi in corso dopo l'incendio divampato al Policlinico...
- 22 Luglio 2024

La Xylella e la guerra della...

Ad oggi la Regione Puglia ha impegnato 181 milioni di euro...
- 22 Luglio 2024

Frange della Sacra corona unita nel...

 I poliziotti della squadra mobile di Brindisi e della Sisco di...
- 22 Luglio 2024