LUNEDì, 15 APRILE 2024
72,493 ARTICOLI
Dir. resp.:Samantha Dell'Edera
redazione@borderline24.com

Per segnalazioni: +39 375 5535222
72,493 ARTICOLI

Direttore Responsabile: Samantha Dell'Edera
Per segnalazioni:
Cell. +39 375 5535222
Email: redazione@borderline24.com

I laboratori privati sospendono le prenotazioni in esenzione: “Determinazioni arbitrarie ed illegittime della Regione Puglia”

Pubblicato da: redazione | Gio, 23 Marzo 2023 - 20:07

Le sigle sindacali Confcommercio Sanità Puglia, S.Na.Bi.L.P. Puglia e LANAP danno avviso a tutti i cittadini, alle Asl pugliesi, ai medici di medicina generale, ai pediatri di libera scelta, alle associazioni per le cure domiciliari, al tribunale del malato, alle associazioni di tutela dei consumatori, che i propri associati in attesa del giudizio di legittimità costituzionale promosso dal Consiglio dei Ministri e soprattutto a seguito delle recentissime determinazioni dirigenziali emanate dal Servizio Strategie e Governo dell’Offerta del Dipartimento della salute della Regione Puglia, sospenderanno  a partire da lunedì 27 marzo 2023 le prenotazioni delle analisi di laboratorio in esenzione successive al 30 giugno 2023 ovviamente garantendo tutto ciò che è già stato prenotato dagli assistiti alla data odierna.

“La Determinazione Dirigenziale n.47 del 27/02/2023 – si legge in una nota – che ha lo scopo di individuare le reti di laboratorio esistenti in Puglia per poterle quindi contrattualizzare e al fine di garantire al cittadino la possibilità di fare gli esami in esenzione, reintroduce una serie di anomalie che il consiglio regionale ha già censurato nell’anno 2022, cui il Dipartimento regionale della salute non ha inteso porre rimedio:
1. la prima riguarda il riavvio del cronoprogramma, il cui documento non è stato oggetto di nessuna normativa tanto che la stessa Regione Puglia con dichiarazione della competente Sottocommissione tematica della sanità ha dichiarato privo di fondatezza giuridica.
2. l’invito del Dipartimento regionale della salute alle aziende sanitarie di redigere i contratti da stipulare con le reti di laboratorio contenenti una clausola contrattuale risolutiva in caso di sentenza dichiarativa di incostituzionalità dell’art. 23, comma 1, della L.R. n. 30/2022, senza però fornire alcuna tutela per le prestazioni sanitarie già erogate dalle medesime strutture private in forza di tale contratto e nei limiti dei previsti tetti di spesa loro assegnati;

3. La verifica e l’aggiornamento delle reti dei laboratori privati accreditati è stato realizzato senza rispettare la normativa regionale (DGR 736/2017) tanto da inventare modelli organizzativi di rete del tutto inesistenti.
4. Richiama una Determinazione Dirigenziale che, con atto di valenza illegittima e in contrasto con i principi dell’ordinamento generale e costituzionali, addirittura vieta la libera
professione.

L’inserimento di detta clausola contrattuale, la mancata difesa della legge e la presenza di tali innumerevoli anomalie evidenziano che il dipartimento regionale della salute, benché privo di risorse per affrontare le questioni sanitarie quotidiane, non manca di sfornare in sequela atti dirigenziali che trasmodano, come evidenziato, in determinazioni arbitrarie ed illegittime che non permettono, ad oggi, la proficua collaborazione pubblico-privato accreditato frustrando l’affidamento del cittadino e le imprese nella sicurezza giuridica e, questo, evidentemente è inaccettabile”.

“Giova far presente che le nostre strutture sanitarie, come tutte, sono soggette a liste di prenotazione che ad oggi prevedono come prima data utile giugno 2023. Inoltre, gli esami di laboratorio forniscono un servizio di pubblico interesse perché evadono le richieste di esami sul territorio per 80 % delle diagnosi – continua la nota –  La politica regionale intervenga con urgenza e chieda una verifica, una indagine sulla regolarità del comportamento licenziato ma, in primis, chiediamo che intervenga affinchè sia difesa la legge regionale, ovvero il primo comma dell’art. 23 della L.R. n. 30/2022, approvata all’unanimità dal Consiglio Regionale”.
In caso contrario – prosegue la nota – :
– saranno a rischio circa 2000 posti di lavoro di professionisti sanitari (medici, biologi, chimici, tecnici, infermieri e personale amministrativo) ed i laboratori attualmente presenti sull’intero territorio regionale;
– saranno a rischio le prenotazioni già effettuate che non potranno essere soddisfatte mettendo in grave difficoltà le strutture; sono a rischio soprattutto il diritto alla salute dei pazienti che, dopo aver atteso la data utile di erogazione, non potranno accedere al servizio offerto dalle strutture private accreditate né otterranno risposte dalle strutture sanitarie pubbliche;
– sarà a rischio il diritto alla salute dei cittadini, soprattutto dei meno abbienti, perché, in assenza di erogazione da parte del servizio pubblico, aumenterà la lista di attesa per gli esami di laboratorio;
– le strutture sanitarie private accreditate non potranno garantire gli esami urgenti e quelli per le terapie salvavita andando così ad appesantire il servizio pubblico se presente;
– la rete territoriale oggi esistente, anche nelle zone disagiate, verrà svuotata di un presidio
sanitario territoriale importante ed i cittadini saranno messi nelle condizioni di pagare o
rinunciare alle cure;
– perdita degli investimenti in attrezzature e tecnologia acquistata in forma vincolata con
fondi europei e regionali, delle quali è peraltro vietata la dismissione.

“I laboratori aderenti alle scriventi associazioni di categoria non vogliono cedere alle pressioni e piuttosto che vendere o essere soggiogati da atti amministrativi arbitrari ed illegittimi valutano come estrema ratio se costretti a rinunciare alla convenzione con il Servizio Sanitario Regionale demandando tutti i cittadini alle ASL di appartenenza”.

© RIPRODUZIONE ANCHE PARZIALE RISERVATA - Borderline24.com
Ti invitiamo a usare i bottoni di condivisione e a non copiare l'articolo.

Lunetta Savino è in scena con...

Florian Zeller indaga con estrema acutezza il tema dell’amore materno e...
- 15 Aprile 2024

Il cibo è la vera ricchezza...

E’ il cibo la prima ricchezza della Puglia con un valore...
- 15 Aprile 2024

Cus Bari protagonista a Sabaudia con...

Cus Bari protagonista a Sabaudia con il pararowing. È accaduto nella...
- 15 Aprile 2024

Incidente a Bari, coinvolti un’auto e...

Incidente a Bari, coinvolte un'auto e monopattino. È accaduto poco fa,...
- 15 Aprile 2024