SABATO, 13 APRILE 2024
72,423 ARTICOLI
Dir. resp.:Samantha Dell'Edera
redazione@borderline24.com

Per segnalazioni: +39 375 5535222
72,423 ARTICOLI

Direttore Responsabile: Samantha Dell'Edera
Per segnalazioni:
Cell. +39 375 5535222
Email: redazione@borderline24.com

Bari, non fa entrare in reparto ragazzo trans: “Discriminazione”

La denuncia di Bari Pride al Policlinico

Pubblicato da: redazione | Mer, 28 Giugno 2023 - 22:34

Grave episodio di discriminazione presso il Policlinico di Bari. A raccontarlo Bari pride.

“Ero con la mia compagna per una sua visita presso il reparto di oculistica, chiunque entrava indisturbato e accompagnava i propri cari – scrivono dall’ associazione riportando il racconto di una coppia – Ma quando io, ragazzo trans che ha appena intrapreso un percorso di affermazione di genere, ho chiesto di entrare con la mia compagna, l’accesso mi è stato impedito da un addetto alla sicurezza. Inizialmente ha addotto l’assenza della mascherina come motivazione ma, quando ne ho recuperata una, quella motivazione si è rivelata una scusa: arbitrariamente mi ha comunque negato l’ingresso”.

“Ho più volte ribadito che si trattava della mia compagna e che chiunque altro stava facendo quello che lui impediva a noi di fare, e cioè di entrare insieme, ma non è valso a nulla.Continuava a chiamarci amiche, “la tua amica”, nonostante le mie puntualizzazioni circa il nostro rapporto, alle quali restava completamente sordo”.

l Bari pride esprime solidarietà a questa coppia e interroga la Regione Puglia circa la necessità di un percorso di formazione che coinvolga tutto il personale (non solo sanitario) che lavora presso gli istituti ospedalieri. “Qualsiasi ragione di carattere sanitario dev’essere eplicitata (non ci sembra che l’ingresso al reparto di oculistica debba essere contingentato per motivi particolari), qualsiasi criterio di scelta circa gli accompagnatori dev’essere chiaro e non discrezionalmente stabilito di volta in volta dagli addetti alla sicurezza – continuano – Quanto accaduto racconta molto bene le discriminazioni alle quali siamo espostə come persone lgbtqia+ rispetto al riconoscimento pubblico delle formazioni sociali di cui facciamo parte. E che questo accada nella data simbolo delle lotte di liberazione queer è un segnale molto forte circa l’inadeguatezza, ancora oggi, di molte infrastrutture sociali alle nostre esistenze”.

© RIPRODUZIONE ANCHE PARZIALE RISERVATA - Borderline24.com
Ti invitiamo a usare i bottoni di condivisione e a non copiare l'articolo.

Lutto nel mondo della moda: muore...

È morto oggi, a Firenze, Roberto Cavalli. Lo stilista, fondatore dell'omonima...
- 12 Aprile 2024

Bari, chiude il teatro Purgatorio: dopo...

Dopo cinquant'anni chiude il teatro Purgatorio, storico luogo culturale di Bari....
- 12 Aprile 2024

Arresti a Bari, in commissione proposta...

La settimana prossima, la commissione regionale della Puglia discuterà una proposta...
- 12 Aprile 2024

Bari, dalle mani della mafia alla...

Ancora beni confiscati alla mafia restituiti ai cittadini. Su proposta dell’assessore...
- 12 Aprile 2024