LUNEDì, 24 GIUGNO 2024
74,106 ARTICOLI
Dir. resp.:Samantha Dell'Edera
redazione@borderline24.com

Per segnalazioni: +39 375 5535222
74,106 ARTICOLI

Direttore Responsabile: Samantha Dell'Edera
Per segnalazioni:
Cell. +39 375 5535222
Email: redazione@borderline24.com

Mafia ed estorsione a Bari, chieste condanne per 19 imputati

Nell'ambito dell'inchiesta relativa al presunto voto di scambio tra Bari e Valenzano

Pubblicato da: redazione | Ven, 13 Ottobre 2023 - 15:55

Pene e condanne fino a venti anni di reclusione. È quanto richiesto dai pm della procura di Bari, Fabio Buquicchio e Michele Ruggiero nei confronti di 19 imputati nell’ambito del processo nato dal filone dell’inchiesta su un presunto scambio di voti per le elezioni comunali a Bari e Valenzano, nel 2019. In particolare, l’accusa per i 19 imputati, ritenuti affiliati al clan Buscemmi (legato al clan Parisi, del quartiere Japigia), è a vario titolo di associazione a delinquere di tipo mafioso-camorristico, detenzione di armi, estorsione, usura, ricettazione, detenzione e inoltre spaccio di stupefacenti. Tutti hanno scelto di essere giudicati con la modalità del rito abbreviato.

Nella giornata di oggi dai pm sono state richieste condanne a 20 anni nello specifico per il boss Salvatore Buscemi, imputato anche per lo scambio elettorale politico-mafioso, oltre che per gli organizzatori dell’associazione Giovanni Pasca, Alessandro Speziga, Ottavio Di Cillo, Michele Terlizzi e Davide Russo. Per i genitori del boss, Giuseppe Buscemi e Antonia Stramaglia, è stata invece chiesta la condanna a 12 anni. Le richieste di condanna riguardano nello specifico il filone dell’inchiesta principale relativa al presunto voto di scambio per le elezioni di Bari e Valenzano del 2019. Conivolti anche l’ex consigliere comunale del capoluogo pugliese, Francesca Ferri, oltre al compagno Filippo Dentamaro e il presidente del Foggia, Nicola Canonico. I tre, secondo quanto emerso, sarebbero estranei alle accuse per le quali oggi sono state richieste le condanne.

Ferri e Dentamaro, lo scorso luglio, erano stati prosciolti dalle accuse di voto di scambio politico-mafioso in merito alle elezioni di Bari e da quella di associazione a delinquere finalizzata alla corruzione riguardante invece il Comune di Valenzano. Restano a processo invece, con l’accusa di associazione a delinquere finalizzata alla corruzione elettorale per le elezioni di Bari, e di scambio elettorale politico-mafioso per quelle relative a Valenzano. Canonico, in tal senso, secondo l’accusa, è considerato il “garante” di questo sistema.

Foto repertorio

© RIPRODUZIONE ANCHE PARZIALE RISERVATA - Borderline24.com
Ti invitiamo a usare i bottoni di condivisione e a non copiare l'articolo.

Vasco Rossi a Bari, previsti turni...

Il capoluogo pugliese si prepara ad ospitare Vasco Rossi per quattro...
- 24 Giugno 2024

Thailandia, ok alle nozze gay: è...

La Thailandia è diventata il primo paese del sud-est asiatico a...
- 24 Giugno 2024

Medimex, la musica internazionale torna a...

Ancora una volta Taranto epicentro della musica internazionale con un’edizione eccezionale...
- 24 Giugno 2024

Poca acqua per i campi, trattori...

Gli agricoltori pugliesi protestano per la carenza di acqua. Decine di...
- 24 Giugno 2024