LUNEDì, 22 APRILE 2024
72,668 ARTICOLI
Dir. resp.:Samantha Dell'Edera
redazione@borderline24.com

Per segnalazioni: +39 375 5535222
72,668 ARTICOLI

Direttore Responsabile: Samantha Dell'Edera
Per segnalazioni:
Cell. +39 375 5535222
Email: redazione@borderline24.com

Caso tangenti Protezione Civile, Sannicandro: “Priorità salvare vite”

L'ex dg Asset Puglia, accusato di aver intascato una tangente da 60mila euro, è stato ascoltato in tribunale

Pubblicato da: redazione | Gio, 23 Novembre 2023 - 17:18
Tribunale di Bari - Borderline24 il giornale

“A inizio lockdown, a marzo 2020, avevamo l’urgenza di mettere subito in funzione i nuovi reparti di degenza e terapie intensive. La nostra priorità era salvare vite. I lavori sono stati fatti in una situazione di emergenza e in grande fretta”. Sono le parole pronunciate da Elio Sannicandro, ex direttore generale di Asset Puglia, agenzia regionale per lo sviluppo ecosostenibile del territorio, ascoltato in tribunale a Bari in qualità di testimone della difesa nell’ambito del processo che vede imputato l’imprenditore Donato Mottola per una presunta tangente da 20mila euro pagata in cambio di appalti a Mario Lerario, ex dirigente della Protezione Civile.

Lerario, sia per questa, sia per un’altra tangente da 20mila euro, è stato già condannato con rito abbreviato a 5 anni e 4 mesi di reclusione con l’accusa di corruzione per atti contrari ai doveri di ufficio. L’ex dg di Asset Puglia, Sannicandro, citato dagli avvocati Vito Belviso ed Elisa Mirabelli, difensori di Mottola, è accusato di aver intascato da un altro imprenditore una tangente da 60mila euro per lavori legati al dissesto idrogeologico. Nella testimonianza resa ha ricordato come i suoi compiti all’epoca fossero soprattutto di carattere “tecnico” e di “coordinamento” tra il dipartimento Salute e la Protezione civile. Sannicandro ha inoltre aggiunto come la direzione dei lavori e il Rup fossero invece compiti della Protezione Civile. All’epoca, tra i primi lavori da portare al termine, c’erano i nuovi reparti di terapia intensiva da realizzare nei container per gli ospedali “Perrino” di Brindisi e “Moscati” a Taranto, lavori assegnati alla ditta Dmeco di Mottola. “Data la grande urgenza – ha proseguito Sannicandro – i lavori furono completati nel giro di 30-40 giorni. Non c’erano molte ditte in grado di realizzare opere di questo tipo, in Puglia ne furono consultate un paio” – ha concluso.

© RIPRODUZIONE ANCHE PARZIALE RISERVATA - Borderline24.com
Ti invitiamo a usare i bottoni di condivisione e a non copiare l'articolo.

Rimpasto Giunta Regione Puglia, è fumata...

Decisione rinviata sul rimpasto della giunta Emiliano. La riunione tra il...
- 22 Aprile 2024

Trapianti di polmone e pancreas nel...

L'attività trapiantologica nella Regione Puglia ha fatto segnare negli ultimi tre...
- 22 Aprile 2024

Il Bari 2023/24: una squadra “forte”...

La gara contro il Pisa, avrebbe dovuto rappresentare la partita della...
- 22 Aprile 2024

Bari, addio al proprietario del ristorante...

Giornata di lutto nel mondo della ristorazione barese per la morte...
- 22 Aprile 2024