MARTEDì, 21 MAGGIO 2024
73,315 ARTICOLI
Dir. resp.:Samantha Dell'Edera
redazione@borderline24.com

Per segnalazioni: +39 375 5535222
73,315 ARTICOLI

Direttore Responsabile: Samantha Dell'Edera
Per segnalazioni:
Cell. +39 375 5535222
Email: redazione@borderline24.com

Taglia le orecchie al cane per “motivi estetici”, condannato

Gli ermellini condannano un veterinario

Pubblicato da: redazione | Sab, 13 Aprile 2024 - 17:51
- PUBBLICITÀ LEGALE -
bari.aci.it"

Quella del taglio della coda e delle orecchie dei cani di alcune razze a fini estetici, oltre che dolorosa per l’animale, è una pratica illegale. Tali pratiche  sono vietate dalla Convenzione europea per la protezione degli animali da compagnia di Strasburgo del 13 novembre 1987, ratificata dall’Italia con la legge n. 201/2010. Le pronunce dei Tribunali e della Cassazione dell’11 aprile 2024 con la sentenza 14951/2024 della terza sezione penale, stanno mettendo fine a questa pratica crudele e illegale. Grazie all’attività di repressione di questi reati il fenomeno è in netta diminuzione. Questa volta a essere condannato è stato un veterinario che ha fatto il taglio estetico delle orecchie al cane. Irrilevante per il medico la tesi sostenuta che l’intervento è stato fatto perché il bully aveva preso un morso da un altro cane.

Per gli Ermellini, infatti, di cui ha scritto il sito Cassazione.net, il motivo è fondato e, al riguardo, ha ricordato che “Secondo le norme europee, gli interventi chirurgici destinati a modificare l’aspetto di un animale da compagnia, o finalizzati ad altri scopi non curativi debbono essere vietati, in particolare: il taglio della coda; il taglio delle orecchie; la recisione delle corde vocali; l’esportazione delle unghie e dei denti. Ci sono eccezioni autorizzate a tale divieto solamente se un veterinario considera un intervento non curativo necessario sia per ragioni di medicina veterinaria, sia nell’interesse di un determinato animale; per impedire la riproduzione». Facendo buon governo di tali coordinate normative la Corte d’appello di Ancona ha giustificato la mancata inclusione della condotta del ricorrente nell’eccezione prevista dall’articolo citato alla luce della insufficiente giustificazione offerta dall’imputato per aver reciso entrambe le orecchie.

© RIPRODUZIONE ANCHE PARZIALE RISERVATA - Borderline24.com
Ti invitiamo a usare i bottoni di condivisione e a non copiare l'articolo.

Bari, lavori in corso a Torre...

A Torre Quetta procedono le lavorazioni per l’installazione dei primi due...
- 21 Maggio 2024

Bari, Romito al mercato di San...

"Qui per 20 anni ci sono state solo promesse". Così il...
- 21 Maggio 2024

Campagna elettorale a scuola, la Uil...

“La scuola non è una piazza in cui fare campagna elettorale,...
- 21 Maggio 2024

Bari, oggi aprono i musei nel...

"Siamo molto rammaricati di non aver ricevuto nessun invito all’inaugurazione del...
- 21 Maggio 2024