Arriva “Giraillibro”

    Progetto di promozione del piacere della lettura attraverso lo scambio e la donazione di libri

    556

    Uno spazio dedicato completamente al booksharing. Si chiama “Giraillibro” ed è la nuova ed interessante iniziativa culturale del Centro Commerciale Mongolfiera Bari Santa Caterina, in collaborazione con l’Associazione Culturale BANDERUMOROSE, partita da qualche settimana nell’HappyArea e che consente di depositare, donare e scambiare libri di ogni genere e tipo, riscoprendo il piacere della buona lettura.

    \r\n

    Adatta sia agli appassionati che ai curiosi, utile tanto per i più piccoli quanto per i più grandi, “Giraillibro” è anche uno spazio attrezzato per rilassarsi, dedicarsi alla lettura, per incontrarsi fra persone animate dalla passione libraria, producendo stimoli per nuovi e più autentici rapporti. È possibile depositare all’interno di un grande raccoglitore, i libri da donare. Questi vengono poi personalizzati con un messaggio per il futuro lettore e messi a disposizione negli scaffali, per chi vuole prenderli, leggerli e possibilmente rimetterli in circolo.

    \r\n

    Una sorta di preziosa “biblioteca aperta” che suggerisce di contraccambiare il prelievo del libro scelto con quello di un altro libro ceduto, in modo che resti sempre rifornita ed in movimento.

    \r\n

    Il progetto sarà presentato alla stampa, martedì 15 marzo alle ore 10.00 nell’Happy Area (piano superiore del Centro Commerciale) da Mariateresa Masciopinto, Shopping Centre Manager of Mongolfiera Santa Caterina, Michele Magno, Presidente Associazione Culturale Banderumorose e Gaetano Ventura, Presidente del distretto sociale Puglia Centro di Coop Alleanza 3.0.

    \r\n

    “Una iniziativa basata sulla pratica del dono – spiega Mariateresa Masciopinto – dello scambio e della condivisione che evita che i libri, una volta letti, restino inutilizzati nelle librerie delle nostre case, rimettendoli così in giro nel loro ambiente naturale, quello urbano, ed offrendo una location, anche temporanea, che sia di passaggio in modo da favorirne la diffusione in maniera del tutto gratuita e libera, allungandone la sua vita. L’unica condizione è che il libro resti integro, curato e leggibile”.

    © RIPRODUZIONE ANCHE PARZIALE RISERVATA - Borderline24 Il giornale - Ti invitiamo a usare i bottoni di condivisione e a non copiare l'articolo.

    LASCIA UN COMMENTO:

    Please enter your comment!
    Please enter your name here