Cabtutela.it
acipocket.it

BARI – Materassi, armadi, intere stanze smantellate e abbandonate per strada. Dopo le decine di segnalazioni inviate dai cittadini sulle carenze del servizio di ritiro dei rifiuti ingombranti, oggi il Comune ha inviato una contestazione formale all’Amiu.

\r\n

“Visto il protrarsi di una situazione divenuta ormai insostenibile – dichiara il sindaco Antonio Decaro – ho chiesto all’azienda di riorganizzare il ritiro e la raccolta degli ingombranti. In questa fase è evidente infatti che l’Amiu si stia dimostrando inadeguata nello svolgimento del servizio ed è la ragione per cui da tempo ho chiesto che fossero aumentati i turni di ritiro e che i cittadini fossero incentivati a conferire gli ingombranti presso i centri di raccolta Amiu con il riconoscimento dei punti utili per i buoni spesa previsti dall’iniziativa “Chi differenzia, ci guadagna”.

\r\n

Il primo cittadino ha disposto un incremento dei controlli da parte della polizia municipale e degli ispettori ambientali e preparato una delibera che prevede l’utilizzo di telecamere mobili per identificare e sanzionare chi deturpa luoghi pubblici e strade cittadine. “Perché se è vero – continua Decaro – che l’Amiu deve migliorare nella qualità dell’offerta del servizio, è altrettanto vero che molti cittadini continuano ad assumere comportamenti incivili e che diverse ditte di trasloco improvvisate, per evitare il costo del conferimento in discarica, abbandonano gli ingombranti per strada rendendo la città una discarica a cielo aperto”.

\r\n

Negli ultimi tre anni infatti la quantità di rifiuti ingombranti raccolti e avviati a smaltimento è aumentata in misura considerevole, passando dal 2013 al 2015 da 2.264 tonnellate all’anno a 4.411 tonnellate all’anno (con un incremento del 255 per cento della media giornaliera). Dai dati in possesso dell’Amiu risulta inoltre che ad oggi solo il 20 per cento degli ingombranti viene conferito attraverso la prenotazione telefonica e circa il 40 per cento viene portato direttamente nei centri di conferimento, mentre il restante 40 per cento è frutto dell’abbandono selvaggio per strada.

\r\n

L’Amiu ha assicurato che dalla prossima settimana sarà rafforzato il servizio su prenotazione attraverso il potenziamento dei giri di raccolta e che sarà istituito un nuovo turno pomeridiano di quattro ore due giorni alla settimana in aggiunta ai turni quotidiani di sei ore previsti in mattinata. Presso i centri di raccolta sarà inoltre possibile conferire fino a 10 ingombranti rispetto ai 3 attuali.


© RIPRODUZIONE ANCHE PARZIALE RISERVATA - Borderline24 Il giornale - Ti invitiamo a usare i bottoni di condivisione e a non copiare l'articolo.

ConfagricolturaBari
CattolicaBari

LASCIA UN COMMENTO:

Scrivi il tuo commento
Il tuo nome qui