Cabtutela.it
acipocket.it
ferrovieappulolucane.it

Intervento della segretaria nazionale Cisl Scuola Lena Gissi sui recenti casi di violenza nei confronti di minori nelle scuole

\r\n

Ancora un episodio di violenza sui bambini nelle scuole dell’infanzia. Inaccettabile e giustamente perseguibile! Questi casi vanno isolati con provvedimenti disciplinari immediati… E sono in vigore (art. 55 decreto 165/2001) Ma la scuola è un’altra cosa .Non possiamo essere accusati per atti ignobili che non appartengono alla cultura del docente, quello che conosciamo noi . Come sindacato consideriamo questi episodi indifendibili e li stigmatizziamo. Ricordo a me stessa e all’opinione pubblica, che i docenti bravi e professionali sono il 90% della categoria; ricordo ancora che grazie al loro impegno e al grande spirito di abnegazione, le nostre scuole conservano alti indici di qualità . Mi spiace dover ricordare che nulla si fa per aiutare chi lancia segnali di disagio professionale o chi a 65/66 anni vive ogni giorno in sezioni con 28/30 bambini di 3 -4 anni. La Fornero li ha dimenticati e lo ha fatto anche Poletti nell’ultima proposta sulla flessibilità delle pensioni “APE”! Non c’è chiarezza nelle forme di selezione e se guardiamo al settore privato , non c’è nemmeno remunerazione. Non posso non difendere i docenti bravi e onesti e l’idea del grande fratello nelle aule non mi scandalizza ma non la condivido. L’ho detto oggi in un’intervista a GR Parlamento e sono convinta che la testimonianza dello Psicologo e del genitore a sostegno della nostra posizione sono la testimonianza che il mondo della scuola è sconosciuto alla politica ! La scuola dell’infanzia italiana è un’eccellenza che tutta l’Europa ci invidia Solo il Governo Renzi l’ha dimenticata.


© RIPRODUZIONE ANCHE PARZIALE RISERVATA - Borderline24 Il giornale - Ti invitiamo a usare i bottoni di condivisione e a non copiare l'articolo.

ConfagricolturaBari
CattolicaBari

LASCIA UN COMMENTO:

Scrivi il tuo commento
Il tuo nome qui