Si chiama La Piazza dei Produttori ed è uno spazio che Eataly ha voluto ritagliare per le aziende locali che  avranno la possibilità di esporre e presentare i loro prodotti. Le aziende, minimo dieci al mese, saranno selezionate da Slow Food e potranno anche organizzare iniziative enogastronomiche ed eventi durante i quali i cuochi interpreteranno i prodotti locali di qualità.

\r\n

Oggi il progetto “Porta del Sud” è stato presentato durante un incontro al quale hanno partecipato  Oscar Farinetti, fondatore di Eataly,  Andrea Guerra, presidente di Eataly, Michele Emiliano, presidente della Regione, Antonio Decaro, sindaco, Gaetano Pascale, presidente Slow food Italia, Gianrico Carofiglio scrittore e presidente della Fondazione Petruzzelli, Antonella Bisceglia, commissario Fiera del Levante e Carlo Petrini, fondatore di Slow Food.

\r\n

“Nessuno di noi decide dove nascere – ha detto Farinetti –   C’è gente che, senza averne merito, è nata nel Nord Italia, cioè in uno dei luoghi più efficienti al mondo, e pensa che il Sud sia una palla al piede. C’è allo stesso modo gente che senza averne merito è nata nel Sud Italia, cioè in uno dei luoghi più belli al mondo e pensa che sia sempre colpa degli altri. Noi dobbiamo essere altri rispetto a questa gente. Noi del Nord e del Sud dobbiamo fare, insieme, la Porta del Sud”.

\r\n

Da qui l’idea di valorizzare le eccellenze del Mezzogiorno.

\r\n

“Con questo progetto vogliamo dare concretezza ad un nuovo capitolo nella creazione di quello che noi chiamiamo mercato –  ha dichiarato Andrea Guerra – Coinvolgeremo tanti contadini, produttori e artigiani che insieme a noi, all’interno dei punti vendita Eataly, racconteranno bontà, qualità e unicità. Un altro passo nella direzione giusta.”

\r\n

I produttori che saranno presenti nel primo mese nello spazio allestito da Eataly:

\r\n

-L’azienda agricola Raimo Carmine (Sa) con sott’oli, sughi e passate del Cilento

\r\n

-Amari e Rosoli (Ba) con liquori e infusi fatti con erbe spontanee delle Murge

\r\n

-Cantine Imperatore: vino di Gioia del Colle (Ba) DOP

\r\n

-Di Molfetta Pantaleo (Bt) specializzati nella produzione di olio evo, taralli e cosmetici a base olio

\r\n

-Caseifico F.lli Tarantino (Ba) con fiordilatte, burrate e il famoso Pallone di Gravina Presidio Slow Food

\r\n

-Cantina Sanpaolo di Claudio Quarta (Av) con Greco di Tufo, Falanghina, Taurasi e Fiano

\r\n

-Salumificio Iozzo (Cz) che produce soppressate, salsicce e capocollo calabrese

\r\n

-Pastificio Casa Prencipe (Fg) con pasta secca di semola di grani pugliesi

\r\n

-Dolci Terre (Av) con il torrone dall’Irpinia

\r\n

-I produttori della riserva naturale di Torre Guaceto (Br) con passata di pomodoro di Torre Guaceto Presidio Slow Food e i carciofi sott’olio

\r\n

-Il Consorzio del Biscotto Cegliese (Br) con il Biscotto Cegliese, Presidio Slow Food

\r\n

La Piazza dei produttori a Eataly

\r\n

© RIPRODUZIONE ANCHE PARZIALE RISERVATA - Borderline24 Il giornale - Ti invitiamo a usare i bottoni di condivisione e a non copiare l'articolo.
caricamento...

LASCIA UN COMMENTO:

Please enter your comment!
Please enter your name here