Cabtutela.it
acipocket.it

Da corso Vittorio Emanuele alla Muraglia, passando per piazza Federico II di Svevia da un anno liberata dalle auto. Il Comune avvia i lavori di risistemazione della pavimentazione. Gli interventi sono partiti da corso Vittorio Emanuele, in corrispondenza del primo isolato tra piazza del Ferrarese e strada de Gironda. Questo tratto, in particolare, era caratterizzato dalle vecchie marmette in cemento che saranno sostituite da pietre in basolato, in continuità con quanto esistente in piazza del Ferrarese.

\r\n

Le fasi di lavorazione procederanno in maniera graduale in modo tale da ridurre i disagi agli esercizi commerciali presenti e garantire l’accesso nei negozi attraverso delle passerelle in legno. Questi primi lavori dureranno circa quattro settimane.

\r\n

“Il nostro auspicio – ha dichiarato l’assessore ai Lavori pubblici, Giuseppe Galasso – è di poter concludere questa prima tranche di interventi entro la prima settimana di agosto. Subito dopo toccherà a piazza Federico II di Svevia, già pedonalizzata, che sarà interamente riqualificata attraverso la risistemazione delle pietre, e alla Muraglia dove ripristineremo la pavimentazione laddove è saltata”.

\r\n

In piazza Federico II di Svevia, oltre alla pavimentazione, arriveranno anche i primi arredi. “Questi cantieri andranno avanti per circa sei mesi – conclude Galasso – e dovrebbero terminare entro i primi dieci giorni del nuovo anno ma contiamo di essere pronti prima della pausa natalizia per favorire la fruibilità della zona vecchia della città, bigliettino da visita per tanti turisti dove ogni sera si riversano centinaia di persone”.

\r\n

L’importo dei lavori ammonta in totale a 250mila euro.

\r\n

 

\r\n

Su richiesta del sindaco, inoltre, l’Amiu provvederà in questi giorni ad effettuare una pulizia straordinaria lungo tutta l’area pedonale di corso Vittorio Emanuele.


© RIPRODUZIONE ANCHE PARZIALE RISERVATA - Borderline24 Il giornale - Ti invitiamo a usare i bottoni di condivisione e a non copiare l'articolo.

ConfagricolturaBari
CattolicaBari

LASCIA UN COMMENTO:

Scrivi il tuo commento
Il tuo nome qui