Cabtutela.it

Quasi 18 milioni di euro per la manutenzione e quattro opzioni di concessione a 3, 5, 10 e 15 anni. Il professionista Bartolomeo Silvestri, ingaggiato dal Comune, ha predisposto il piano di gestione dello stadio San Nicola, in vista della convenzione che l’amministrazione vuole stipulare con un privato, convenzione che deve avere prima l’ok del Consiglio comunale e poi può essere messa a bando.

\r\n

I dettagli della concessione

\r\n

La concessione prevede la gestione dello stadio San Nicola e delle strutture annesse (antistadio e parcheggi) per un periodo di tempo che sarà definito dall’amministrazione, compreso tra i 3 e i 15 anni.\r\nL’impianto verrà adoperato per eventi e manifestazioni sportive, musicali, socio-culturali,\r\nallenamenti, tornei e partite, attività sportive, riabilitative e connesse allo sport, parcheggi, spazi pubblicitari, attività commerciali, attività terziarie e congressuali.\r\nIl concessionario potrà svolgere la gestione dei servizi in modo diretto o mediante l’affitto a terzi degli spazi presenti, con l’applicazione di specifiche tariffe necessarie alla copertura dei costi. Dovrà inoltre garantire l’utilizzo delle strutture (soggette a tariffazione) alla società sportiva F.C. Bari 1908, secondo le sue esigenze ed in modo da assicurarne il regolare svolgimento nelle prossime stagioni sportive.

\r\n

Gli incassi dalle partite

\r\n

Nel piano di gestione ampio spazio è stato riservato alle entrate degli ultimi anni relative alla vendita dei biglietti. Il numero medio degli spettatori in serie B, con la vecchia gestione societaria, è stato di circa 8.600 presenze, con minimi nella stagione 2007/2008 e massimi nella stagione 2008/2009 (promozione nella massima serie). Le due stagioni in serie A mostrano un valore medio pari a circa 22.600. Nelle ultime due stagioni (nuova gestione societaria) la media degli spettatori in serie B è stata pari ad oltre 20.000 presenze. In serie B, la stagione con maggiori incassi ai botteghini è stata quella 2008/2009 con cifre superiori ai 3,2 milioni di euro, mentre nelle ultime due stagioni sono stati superati rispettivamente i 2,5 e i 3 milioni di euro. Inoltre le ultime due stagioni hanno avuto un numero di presenze superiore rispetto alla stagione 2008/2009 (rispettivamente circa 84 e 128 mila spettatori in più), ma il maggior numero di abbonati (circa 11.000 contro i 6290) ha ridotto i ricavi da vendita di biglietti ottenendo un risultato economico complessivo leggermente inferiore. Infatti nella stagione 2008/2009 gli incassi hanno superato i 500.000 euro per singola partita nelle 34° e 38° giornata di campionato.

\r\n

Le aree da affittare ai privati

\r\n

Tra le proposte del professionista per aumentare le entrate anche l’affidamento di aree ai privati, considerando la posizione dello stadio e la facilità di collegamento con le grandi reti viarie cittadine e con l’aeroporto. “Alcune aree – propone il consulente –  come la sala stampa, vengono sfruttate in modo non continuativo, pertanto potrebbero essere utilizzate per attività congressuali, convegni ed altro”.

\r\n

I costi

\r\n

Specifica anche la tabella riguardante le spese da gestire. Il personale costa 78mila euro l’anno, le utenze 165mila euro, le manutenzioni (pilastri, impermeabilizzazioni, sedie, recinzioni, impianti, i petali della copertura) arrivano a 17 milioni e 587mila euro (da distribuire in 60 anni), 229 mila euro le spese per la manutenzione di tornelli, ascensori e delle aree esterne. A questi vanno aggiunto i 115mila euro di spese generali, 110mila euro di tributi, 15mila euro di polizza assicurativa.

\r\n

Le quattro opzioni

\r\n

La prima opzione prevede la concessione per tre anni e viene considerata la meno conveniente per i privati. Gli interventi prioritari di manutenzioni programmate sono pari a\r\ncirca 1.308.400 euro,  mentre gli interventi con priorità bassa hanno un’incidenza pari a\r\n1.428.000 euro da sostenere nel primo anno.

\r\n

La seconda opzione prevede una concessione a cinque anni. In questa alternativa sono previsti ricavi maggiori dovuti alla presenza di un evento sportivo (torneo estivo) al quinto anno. Gli interventi prioritari di manutenzioni programmate sono pari a circa  1.630.400 euro, mentre gli interventi con priorità bassa hanno un’incidenza pari a euro 1.428.000 da sostenere nel primo anno.\r\nLa terza opzione prevede una concessione di 10 anni con manutenzioni pari a 6 milioni di euro, la quarta opzione (15 anni) con manutenzioni pari a quasi 9 milioni di euro. In questo caso è stata prevista la sostituzione di tutti i 26 petali di copertura dello stadio.


© RIPRODUZIONE ANCHE PARZIALE RISERVATA - Borderline24 Il giornale - Ti invitiamo a usare i bottoni di condivisione e a non copiare l'articolo.

ConfagricolturaBari
CattolicaBari

LASCIA UN COMMENTO:

Scrivi il tuo commento
Il tuo nome qui