Prosegue la protesta degli agenti di polizia municipale a Bari, che in questi mesi hanno incrociato le braccia per manifestare contro il poco personale in servizio, le attrezzature a disposizione, ormai vecchie e logore, e i turni di lavoro massacranti.\r\n\r\nL’incontro con i consiglieri comunali\r\n\r\nDal 5 ottobre i vigili sono in presidio davanti al teatro Piccinni e  ieri, 7 ottobre, c’è stato il primo confronto con i consiglieri comunali promosso dal Sulpl e dall’Usb. All’incontro erano presenti i consiglieri di centrodestra Michele Picaro, Irma Melini, Sabino Mangano e Giuseppe Carrieri, oltre Michelangelo Cavone, esponente  di centrosinistra. Diversi i temi trattati insieme agli agenti e ai sindacalisti, tra cui i turni per i volontari – che si vorrebbero estendere a sette ore -, la necessità di nuove divise e di mascherine protettive per i vigili e la gestione interna del corpo di polizia municipale.\r\n\r\nIl sindacato Sulpl: “I tavoli di confronto sono stati ignoranti”\r\n\r\nSul tema è intervenuto il sindacato unitario lavoratori polizia locale, che ha con una nota indirizzata al sindaco Decaro duramente attaccato  la gestione del corpo dei vigili baresi da parte dell’amministrazione. “Alle ripetute sollecitazioni – scrivono – non è mai stata data la giusta attenzione e sensibilità. L’amministrazione comunale e il primo cittadino, nonché delegato alla polizia municipale, mai presente dal giorno del suo insediamento, pur conoscendo perfettamente la situazione del corpo non hanno mai rappresentato la seria volontà di affrontare le annose tematiche”.\r\n\r\nLa critica principale del sindacato riguarda appunto i tanti tavoli di confronto organizzato dalle sigle di categoria, che “sindaco e amministrazione – proseguono – hanno sempre disatteso e ignorato”.

© RIPRODUZIONE ANCHE PARZIALE RISERVATA - Borderline24 Il giornale - Ti invitiamo a usare i bottoni di condivisione e a non copiare l'articolo.

LASCIA UN COMMENTO:

Please enter your comment!
Please enter your name here