Cabtutela.it
Aproli

Continua la querelle in Consiglio sulla possibilità da parte dei consiglieri di riprendere la seduta. Il primo parere del segretario generale Mario D’Amelio era stato negativo: “Non è previsto dal regolamento quindi niente riprese”. Ma dopo le sollecitazioni del presidente del Consiglio, Pasquale Di Rella, nelle quali chiedeva contezza sul tipo di sanzione da emettere e su chi doveva controllare, è arrivato un secondo parere. Nel quale si azzera quel no che sembrava tassativo.\r\n\r\nE si precisa. “Le sanzioni per essere applicabili – spiega D’Amelio – devono essere previste e disciplinate da regolamento. Al di fuori di tale disciplina non pare possano essere comminate sanzioni. E quindi l’attività di vigilanza deve essere finalizzata e circoscritta alla sola verifica di riprese non consentite ed è necessario procedere a modifiche o integrazioni del vigente regolamento, disciplinando la materia”.\r\n\r\nEd oggi, nel corso del consiglio, l’opposiziome ha “sfidato” il divieto. “Senza clamore e senza spasmodica ricerca della sensazione – spiegano Michele Picaro e Fabio Romito che si sono fotografati con un cartello durante la seduta e la scritta “sanzionateci” –  come abbiamo sempre fatto continueremo ad informare i cittadini baresi di quello che accade in aula consiliare. Ad ogni modo, noi riteniamo che la discussione debba essere riportata sui temi che affliggono la città di Bari ed i nostri concittadini e non su aspetti di colore da gossip di giornali patinati”.


© RIPRODUZIONE ANCHE PARZIALE RISERVATA - Borderline24 Il giornale - Ti invitiamo a usare i bottoni di condivisione e a non copiare l'articolo.

ConfagricolturaBari
CattolicaBari

LASCIA UN COMMENTO:

Scrivi il tuo commento
Il tuo nome qui