Cabtutela.it
acipocket.it
ferrovieappulolucane.it

“Decaro segua l’esempio di Renzi e si dimetta”. A chiederlo sono i consiglieri di opposizione in Consiglio comunale, dopo la vittoria del No al referendum, dove nella città di Bari si è sfiorato il 70 per cento.\r\n\r\nI consiglieri Melchiorre, Finocchio e Carrieri: “Che ne sarà di quei progetti paventati grazie all’amicizia con Renzi?”\r\n\r\nL’opposizione scende all’attacco contro il sindaco Antonio Decaro, in seguito ai risultati del referendum e alla schiacciante vittoria del No. “A Bari città – spiega Filippo Melchiorre di Fratelli di Italia – An – Decaro, delfino di Renzi, ha preso meno voti in Italia. Ed ora non può che prendere atto di questo e così come ha fatto Renzi deve andarsene. Ma sicuramente non lo farà”.\r\n\r\nI consiglieri ricordano le opere per le quali Decaro ha chiesto il sostegno di Renzi al Governo, da largo Pacha (dove dovrebbe essere insediato un campo di accoglienza per migranti e per il quale il sindaco aveva chiesto al governo uno spostamento di risorse proprio per trovare un’alternativa) alla camionale fino all’edilizia giudiziaria.\r\n

\r\n

\r\n

\r\n

\r\n

\r\n

\r\n

\r\n

\r\n

“Con la caduta di Renzi – conclude Carrieri – riteniamo quindi che anche il sindaco di Bari debba rassegnare le dimissioni, prendendo atto che larga parte della città è già stanca e si è accorta che l’amministrazione comunale ha fatto poco e male”.

\r\n\r\n

\r\n

\r\n

\r\n

\r\n

\r\n

\r\n

\r\n

\r\nI Cinque stelle: “Bisogna saper perdere, torniamo alle urne per eleggere un nuovo sindaco”\r\n

Il sindaco di Bari nonché presidente Anci, Antonio Decaro, ha scritto su Facebook di aver votato con il sorriso, ma ride bene chi ride ultimo”, dichiarano i  sette consiglieri del Movimento 5 Stelle della città di Bari, Sabino Mangano, Francesco Colella, Italo Carelli, Alessandra Simone, Claudio Carone, Davide De Lucia e Vito Saliano.

\r\n

“Lo stesso popolo che vi ha scelti nel 2014 per governare la città ora sembra togliere la fiducia al Partito Democratico – commenta il capogruppo Sabino Mangano – bisogna saper perdere e tornare nuovamente alle urne per chiedere ai cittadini da chi vogliono essere amministrati, è bene chiarire la nostra precisa volontà di ottenere le dimissioni del Sindaco filorenziano ormai con consensi in decadenza, #DecaroDimettiti”.

\r\n

La replica della maggioranza

\r\nPronta la replica della maggioranza. “Le opposizioni – commenta Marco Bronzini, capogruppo del Pd in Consiglio – invece di strumentalizzare il risultato referendario, farebbero bene a concentrarsi sulla loro proposta politica, ancora inesistente, per potersi presentare all’appuntamento delle amministrative nel 2019: fino ad allora l’amministrazione guidata dal sindaco Decaro resterà salda alla guida della città. Il voto al referendum di ieri ha detto no ad una riforma dell’assetto costituzionale e non al sindaco Decaro che in questi due anni ha già dato alla città di Bari risposte importanti su diverse tematiche e che, con una qualificata maggioranza, proseguirà con determinazione il percorso intrapreso”.


© RIPRODUZIONE ANCHE PARZIALE RISERVATA - Borderline24 Il giornale - Ti invitiamo a usare i bottoni di condivisione e a non copiare l'articolo.

ConfagricolturaBari
CattolicaBari

LASCIA UN COMMENTO:

Scrivi il tuo commento
Il tuo nome qui